Interni

Conte prepara la sfida in Senato: nasce il gruppo del premier

151 voti: sono questi, al momento, quelli considerati “sicuri” al Senato. Ne mancano una decina, al premier Conte, per poter affrontare in Parlamento la sfida a Matteo Renzi senza paura di un salto nel buio, con la crisi che potrebbe improvvisamente sfuggirgli di mano. Al Senato è nato in queste ore il gruppo MAIE-Italia23, “per costruire uno spazio politico che ha come punto di riferimento Giuseppe Conte”. La conta, però, non è finita.

I voti che ancora mancano al pallottoliere di Conte sono una decina, la soglia politica minima necessaria per la maggioranza assoluta. Non sono pochi, e ne sono consapevoli anche dalle parti del Partito Democratico, anche perché servirebbero numeri ancora più alti per evitare che i prossimi mesi siano burrascosi, anche nelle commissioni. E così, ecco l’allarme lanciato dal vicesegretario dem Andrea Orlando: “È chiaro che si può evitare una crisi avendo anche un numero in più, ma non governare avendo un voto in più”.Il senso è questo: nessuno vuole il voto, ma non si può accettare qualsiasi compromesso pur di evitare il ritorno alle urne. Anche perché, nonostante le trattative, la maggioranza è ancora da costruire. I 151 voti dati per certi sono 92 del Movimento, 35 del Pd, 8 delle Autonomie, 16 del Misto. Ne mancano dieci per sopravvivere e qualcosa potrebbe succedere all’interno di Italia Viva, visto che Riccardo Nencini, Vincenzo Carbone, Eugenio Comincini, Leonardo Grimani, Gelsomina Vono e Donatella Conzatti sono dati per incerti. Attenzioni rivolte anche a Forza Italia. Certezze, però, non ce ne sono.C’è poi il problema, non secondario, dei 151 voti considerati blindati. Salvini ha colto subito la palla al balzo annunciando: “Molti grillini seri stanno bussando alla nostre porte”. Propaganda, ovviamente. Ma un po’ di preoccupazione monta. Le trattative continuano, in attesa di uno scontro in Senato ancora tutto da definire.

“Negava aiuti alimentari Covid a stranieri e anziani”. Arrestata sindaca della Lega