People

Conte si prende il Movimento 5Stelle: pronta la rifondazione. Cosa cambierà

Giuseppe Conte guiderà la rifondazione del Movimento 5 Stelle. Tra espulsioni, tentativi di scissione e un consenso elettorale ormai precipitato, Beppe Grillo ha deciso di giocarsi l’asso nella manica. Il Sì di Conte è il primo atto di un cambiamento radicale dentro i 5 stelle. L’ex premier torna così sulla scena politica a neanche tre giorni dal suo discorso per una nuova Europa all’università di Firenze. Aderisce quindi al progetto di rilancio del M5s e lo fa forte della sua popolarità personale. Ma cosa succede ora, nei fatti, nel Movimento? (Continua a leggere dopo la foto)

A spiegarlo è Il Fatto Quotidiano: “Conte non è mai stato iscritto al M5s (non lo è tuttora) e fino a quando è stato a Palazzo Chigi ha evitato il più possibile di essere trascinato nelle dinamiche del gruppo. Non era il momento e non sarebbe stato opportuno. Ma ora la scena è completamente diversa: l’ingresso del M5s nell’esecutivo con Forza Italia ha creato uno spartiacque nella storia del Movimento. C’è una parte consistente, in molti casi parliamo di fondatori dei 5 stelle (non solo Alessandro Di Battista o Nicola Morra, ma anche interi gruppi di attivisti storici), che ha abbandonato il progetto parlando di tradimento. Grillo crede davvero che possa ancora nascere qualcosa di nuovo, è convinto che l’occasione sia storica”. (Continua a leggere dopo la foto)

Se c’è qualcuno che può risollevare le sorti del progetto politico di Beppe Grillo, al momento è solo l’ex premier. “Lo sa bene il fondatore che assiste alle espulsioni e fuoriuscite dei suoi, con la nascita di sempre nuove correnti interne, e a fatica riesce a tenere in piedi la sua creatura. Di sicuro il ritorno politico di Conte avrà un contraccolpo dentro e fuori il M5s. Intanto perché, per il Movimento, si apre una nuova prospettiva e, soprattutto, un orizzonte di crescita che fino a questo momento sembrava impensabile. E innanzitutto dal punto di vista dei consensi elettorali”. (Continua a leggere dopo la foto)

“I pilastri elencati in queste ore sono quelli delle origini del Movimento: sicuramente la transizione ecologica voluta da Grillo, poi legalità (e lotta alla corruzione) e battaglie contro casta e diseguaglianze. La forza d’attrazione di Conte vale per nuovi elementi, ma anche per chi ha deciso di lasciare il Movimento e avrà sicuramente un effetto sulla tenuta dei gruppi parlamentari. L’ultima domanda, che al momento non può avere risposta, riguarda il futuro del progetto da federatore della coalizione Pd-M5s-Leu. Quella che sembrava la soluzione acclamata da tutti gli ex alleati, al momento si è molto raffreddata. E Conte, questo è stato il ragionamento delle ultime ore, rischia di bruciare il momento di popolarità dietro il progetto di una coalizione che potrebbe anche non vedere mai la luce”.

Ti potrebbe interessare anche: “Cara Giorgia, lottiamo insieme per la stessa visione del mondo”. Orbán, lettera alla Meloni

[wpdevart_facebook_comment curent_url="https://www.business.it/conte-si-prende-m5s/" order_type="social" title_text="" title_text_color="#000000" title_text_font_size="11" title_text_font_famely="monospace" title_text_position="left" width="100%" bg_color="#d4d4d4" animation_effect="random" count_of_comments="3" ]