contratti-di-rete

Contratti di rete: Friuli Venezia Giulia prima regione in Italia, secondo la ricerca Aster

Il 50% delle imprese in rete si concentrano in Lazio, Lombardia, Veneto, Toscana ed Emilia Romagna, i servizi sono il settore più propenso

In un mondo sempre più caratterizzato da community e sharing i contratti di rete dovrebbero essere ormai la quotidianità per molti. Non è ancora così e la ricerca Aster, società della Regione Emilia-Romagna per l’innovazione e la ricerca industriale, ha evidenziato dove e in che settore questo tipo di approccio “cooperativo” ha preso piede maggiormente.

Il Friuli Venezia Giulia è la regione italiana dove sono più utilizzati i contratti di rete (112 imprese aderenti ogni 10 mila aziende attive nella regione), con l’Abruzzo (65/10.000 imprese) al secondo posto e il Lazio (53/10.000) al terzo. Il tool interattivo (http://bit.ly/contratti_rete) cretao da Aster in merito permette di facilitare la ricerca e la lettura dei dati, offrendo la possibilità di individuare le imprese in rete anche su base comunale.

“Il valore aggiunto di questa forma di collaborazione è noto – commenta Paolo Bonaretti, direttore generale di Aster – ed è confermato dal recente rapporto ISTAT-Confindustria ‘Gli effetti del contratto di Rete sulla performance delle imprese’ secondo cui le imprese che vi hanno aderito registrano una maggiore crescita dell’occupazione e del fatturato rispetto ad aziende similari non in rete (rispettivamente +11,2% e +14,4% dopo tre anni). La diffusione di questa forma di aggregazione è ovviamente maggiore in quelle regioni che adottano politiche di incentivo all’utilizzo e che possono contare anche sulla spinta propulsiva delle organizzazioni di categoria”.

Il contratto di rete è uno strumento innovativo attraverso il quale più imprese collaborano per realizzare progetti condivisi, che non riuscirebbero a sviluppare singolarmente, mantenendo la propria indipendenza, con l’obiettivo di incrementare la capacità innovativa e la competitività. Le imprese devono predisporre un piano generale d’azione (programma di rete), in cui sono definiti gli obiettivi da raggiungere e i rapporti di collaborazione e condivisione, l’investimento e il tipo di legame da adottare.

Secondo l’indagine, la presenza di imprese in rete è piuttosto significativa in Umbria (48 aziende ogni 10 mila, 4° posto) e Toscana (44, 5° posto), che precedono Veneto (41) e Basilicata (40), mentre la Liguria e l’Emilia Romagna, ciascuna con 39 aziende in rete ogni 10 mila, sono ottave a pari merito e superano la Lombardia (31) che è solo quattordicesima. Occupano gli ultimi gradini di questa classifica il Piemonte al terzultimo posto (23) la Sicilia (16) e il Molise (12)

La provincia italiana dove questa tipologia di contratti è più diffusa è Viterbo, con 127 imprese in rete ogni 10 mila. Subito dopo, a pari merito, ci sono Gorizia e Pordenone (122) e, a ruota, Frosinone (116) e Udine (109). Mentre seguono a rilento le province di Milano (27 aziende in rete ogni 10 mila) e Torino (18), rispettivamente 73esima e 98esima in graduatoria. In fondo alla classifica troviamo Palermo (11) e Messina (7).

contratti-di-rete-2I settori

A livello nazionale i contratti di rete sono 4.224 per un totale di 22.443 imprese coinvolte. Il 33% delle imprese in rete (circa 7.500) opera nel settore dei servizi, mentre il secondo settore più rappresentato è quello dell’industria/artigianato (28%). Poco meno di un quinto delle imprese (18%) è attiva nel settore dell’agricoltura mentre più di una su 10 (13%) opera nel commercio. Meno rappresentate (6%) le aziende del settore turistico.

I termini assoluti

In termini assoluti il Lazio (3.430) ha più imprese in rete della Lombardia (3.012) e del Veneto (2.026). Al quarto posto la Toscana (1.817), che precede Emilia-Romagna (1.776) e Campania (1.592).

Se non sorprende che le province dove in termini assoluti ci sono più aziende sottoscrittrici di contratti di rete siano Roma (1789) e Milano (1.025), è sicuramente un dato interessante la presenza, al terzo e quarto sposto della classifica, di Bari (711) e Salerno (587). Torino (400) è solo 14esima. Campobasso (31), Vercelli (29) e Isernia (11) sono, invece, le aree con meno aziende in rete.

CONDIVIDI
Marco Brachetti
Classe 1983, laureato in economia, ha iniziato il suo percorso giornalistico fin dall’adolescenza. Con una spiccata passione per la tecnologia e l’innovazione, ha collaborato con diverse riviste di settore. Adora i viaggi e le barche.