People

Coronavirus, l’ipotesi degli 007 Usa: “Potrebbe essere stato creato in laboratorio a Wuhan”

Torna a farsi prepotentemente largo l’ipotesi che il coronavirus sia nato in un laboratorio di Wuhan, primo focolaio dell’epidemia, e diffuso dopo un incidente. Alcuni dirigenti dell’intelligence Usa stanno indagando in questa direzione. L’indiscrezione arriva dalla Cnn, che cita varie fonti che conoscono il dossier dell’indagine, ma che considerano comunque prematuro al momento trarre qualsiasi conclusione. È di ieri, 14 aprile, la notizia rivelata da Josh Rogin sul WashingtonPost secondo cui ci sono due comunicazioni riservate della diplomazia Usa a Pechino, che già nel 2018 avvertivano sulle lacune del laboratorio di virologia nell’Hubei.

Nel gennaio 2018, l’ambasciata degli Stati Uniti a Pechino ha fatto il passo insolito di inviare ripetutamente diplomatici scientifici statunitensi al Wuhan Institute of Virology (WIV), che nel 2015 era diventato il primo laboratorio cinese a raggiungere il più alto livello di sicurezza internazionale nella ricerca di bioresearch. WIV ha rilasciato un comunicato stampa in inglese sull’ultima di queste visite, avvenuta il 27 marzo 2018. La delegazione americana era guidata da Jamison Fouss, console generale a Wuhan, e Rick Switzer, consigliere dell’ambasciata per l’ambiente, la scienza, la tecnologia e salute.

La scorsa settimana, stranamente, l’Istituto ha cancellato tale dichiarazione dal suo sito Web, sebbene rimanga archiviata su Internet, notano al Post, ripreso da Il Salvagente. Continua il giornalista statunitense Josh Rogin: “Ciò che i funzionari statunitensi hanno appreso durante le loro visite li ha preoccupati così tanto che hanno rispedito due dispacci diplomatici classificati come sensibili ma non classificati a Washington che hanno messo in guardia sui punti deboli di sicurezza e gestione presso il laboratorio WIV e hanno proposto maggiore attenzione e aiuto”.

“Il primo, che ho ottenuto (spiega il giornalista del Washington Post), avverte anche che il lavoro del laboratorio sui coronavirus di pipistrello e la loro potenziale trasmissione umana hanno rappresentato il rischio di una nuova pandemia simile alla SARS”. I dispacci sostenevano, tra l’altro, che gli Stati Uniti avrebbero dovuto fornire ulteriore supporto al laboratorio di Wuhan, principalmente perché la sua ricerca sui coronavirus dei pipistrelli era importante ma anche pericolosa. I visitatori degli Stati Uniti hanno incontrato Shi Zhengli, il capo del progetto di ricerca, che ha pubblicato per molti anni studi relativi ai coronavirus dei pipistrelli.

All’interno dell’amministrazione Trump, molti funzionari della sicurezza nazionale sospettavano da tempo spiega Rogin che “il WIV o il laboratorio del Centro per il controllo e la prevenzione delle malattie di Wuhan fossero la fonte del nuovo focolaio di coronavirus. Secondo il New York Times, la comunità dell’intelligence non ha fornito prove per confermarlo. Ma un alto funzionario dell’amministrazione mi ha detto che questi avvertimenti della Commissione forniscono un’ulteriore prova a supporto della possibilità che la pandemia sia il risultato di un incidente di laboratorio a Wuhan”.

“Il governo cinese, nel frattempo, ha bloccato completamente le informazioni relative alle origini del virus. Pechino non ha ancora fornito agli esperti statunitensi campioni del nuovo coronavirus raccolti sin dai primi casi. Il laboratorio di Shanghai che ha pubblicato il nuovo genoma del coronavirus l’11 gennaio è stato rapidamente chiuso dalle autorità per “rettifica”. Diversi medici e giornalisti che hanno riferito in anticipo sulla diffusione sono scomparsi”.

 

Ti potrebbe interessare anche: I migranti di Parma donano 500 euro all’Italia: “Voi ci avete salvato la vita”