Interni

Coronavirus, pizza gratis a medici e infermieri: “Aiutiamo i nostri eroi”

Un’Italia divisa da polemiche, ansie, paure. Bloccata da un coronavirus che ha già cambiato le abitudini quotidiane delle persone. E che si stringe forte intorno ai suoi eroi instancabili, quei medici e quegli infermieri che lavorano senza sosta, da giorni, per contrastare la diffusione della malattia, esponendosi in prima persona. A loro un giovane ristoratore ha deciso di dedicare un’iniziativa subito diventata virale in rete, dove ha riscosso il plauso degli utenti.Un ragazzo originario della Campania e che però vive a Milano, Nanni Arbellini, ha infatti deciso di offrire una pizza gratis ai combattenti in camice che ogni giorno affrontano a testa alta mille difficoltà. Titolare di diversi locali nel capoluogo lombardo, il ristoratore ha lanciato l’idea su Facebook: “Leggevo di tanti infermieri che non stanno neanche mangiando. Alle 14 in via Procaccini 30 prepareremo le pizze da portare agli ospedali coinvolti”.“Non cerco complimenti – ha spiegato il giovane – solo volontari per portare le pizze, individuazione degli ospedali coinvolti e persone dell’ospedale a cui consegnare le pizze”. La sua proposta ha avuto un ottimo seguito, tanto che finora in tutto sono state consegnate circa 150 pizze a medici e infermieri. “Chiedo aiuto per la distribuzione, volontari raggiungetemi in via Procaccini. Dobbiamo essere forti come questo sole che splende oggi” ha scritto ancora Arbellini, per poi concludere con un “Forza Milano” in stampatello e un “#nostop”. “Mi sono appoggiato soprattutto ai familiari di medici e infermieri, che sono passati a ritirare il cibo pronto e l’hanno poi consegnato – ha raccontato il giovane a La Repubblica – Non vado a caccia di complimenti, ho semplicemente voluto dare il mio contributo in un momento difficile per tutti”.

Coronavirus, Milano non si ferma: uno spot per fare coraggio ai cittadini