Mass Media

Covid, Crisanti gela lo studio di In Onda: “Non abbiamo avuto il coraggio di dirlo”

Andrea Crisanti spara una bomba in diretta tv e lascia senza parole i conduttori del programma. Accade durante In Onda, il talk show estivo di La7 condotto da Concita De Gregorio e David Parenzo. Quando il virologo afferma che “non abbiamo avuto il coraggio di dire che i 160 morti al giorno non erano no vax, ma persone vaccinate fragili” nello studio cala il gelo.

Andrea Crisanti ospite di In Onda

“I numeri non rappresentano la realtà. – spiega Crisanti a In Onda – Il tampone fai da te, a casa, va assolutamente rettificato. Spesso questi tamponi non sono altamente sensibili: la persona risulta negativa e invece è positiva. Poi quando le persone sanno di avere il Covid, non si denunciano creando un danno alla società e a sé stessi, perché informano il servizio sanitario nazionale solo se stanno male e così facendo perdono la possibilità di prendere i farmaci antivirali che invece nei primi giorni sono efficaci”.

Secondo Andrea Crisanti “non è stato spiegato bene chi è a rischio, chi deve fare il quarto richiamo e perché era importante farlo. Non è che l’epidemia non si cancella per decreto. E adesso stiamo così. – sottolinea – Il vero problema è che dobbiamo proteggere i fragili, perché chi muore ogni giorno non sono i no vax ma nel 98% persone fragili vaccinate. I 160 morti al giorno che si verificavano non erano no vax ma dei vaccinati fragili, tutta la polemica contro i no vax ha creato un cortocircuito”.

“Siamo in ritardo con la quarta dose? Il problema è come proteggere i fragili. – ribadisce Crisanti – Non c’è più accettazione sociale per le misure di limitazione. Quindi dobbiamo spiegare ai fragili che devono continuare a mettere le mascherine. Oggi non si può pensare più di controllare il Covid pensando di far diminuire i casi. Poi torna a ripetere quanto appena detto. “Il problema lo sa quale è stato? – alza il tono rivolto alla De Gregorio – Che noi non abbiamo avuto il coraggio di dire fin dall’inizio che i 160 morti al giorno non erano no vax, ma erano persone vaccinate fragili. Quindi tutta la polemica contro i no vax ha creato un cortocircuito per cui sembrava che morissero solo loro. E invece non era vero. Morivano le persone vaccinate fragili”, conclude lasciando di stucco i due conduttori.

Potrebbe interessarti anche: Covid, Crisanti: “Mascherina non serve più, Omicron troppo contagiosa”

Torna su