Interni

Covid, respinta la mozione per la pubblicazione dei verbali del Cts

Respinta alla Camera dei Deputati la mozione dell’opposizione sulle iniziative volte a garantire la pubblicazione dei verbali delle riunioni del Comitato tecnico-scientifico. I voti contrari sono stati 241, quelli favorevoli 199 e gli astenuti sono stati 5. La mozione, a firma Meloni, Molinari, Gelmini e altri, ha visto il parere contrario del governo.

Obiettivo del testo era quello di impegnare l’esecutivo “a pubblicare in maniera automatica, integrale e senza omissioni di sorta, tutti i verbali delle riunioni del Comitato tecnico scientifico, oltre quelli già a disposizione, posto che tale pubblicità è necessaria all’esercizio dell’ordinario controllo politico-democratico da parte dei cittadini e dei loro rappresentanti”.
Il governo ha dato parere contrario alla mozione attraverso il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Simona Malpezzi: “Il governo ha già scelto, lo scorso 4 settembre, di procedere alla pubblicazione dei verbali del Cts, decorsi 45 giorni di tempo dalla data della relativa riunione. Oggi sono pertanto disponibili sul sito web della Protezione Civile i verbali del Comitato dal 7 febbraio fino all’ultimo verbale n.100”.Malpezzi ha proseguito spiegando che il governo “si è sempre assunto la piena responsabilità politica e giuridica di ogni decisione” presa durante la fase emergenziale. Il governo, comunque, ha ribato “la massima considerazione all’esigenza di trasparenza”. Il governo aveva già reso disponibili a partire dal 4 settembre i verbali del Cts, dopo che la Camera dei deputati aveva approvato un ordine del giorno presentato da Fratelli d’Italia. Con quell’odg si impegnava il governo a “pubblicare tutti gli atti del Comitato”.

Di Maio: “Il reddito di cittadinanza? Dobbiamo introdurre un tagliando”