Tecnologia

Creati primi embrioni sintetici da cellule staminali, sono di topo

I ricercatori inglesi di Cambridge e quelli statunitensi della Caltech hanno creato embrioni di topo a partire da cellule staminali.

Si tratta di un risultato dopo oltre un decennio di ricerca che aiutare i ricercatori a capire perché alcuni embrioni falliscono mentre altri si trasformano in un feto per una gravidanza regolare.

I risultati potrebbero essere utilizzati anche per guidare lo sviluppo di organi umani sintetici per il trapianto.

Il modello embrionale ha imitato i processi naturali in laboratorio guidando i tre tipi di cellule staminali presenti nel primo sviluppo dei mammiferi fino al punto in cui iniziano a interagire.

Inducendo l’espressione di un particolare insieme di geni e stabilendo un ambiente unico per le loro interazioni, i ricercatori sono stati in grado di far “comunicare” le cellule staminali tra loro.

In questo modo, le cellule si sono organizzate in strutture che hanno progredito attraverso le fasi di sviluppo successive fino a quando gli embrioni sintetici hanno avuto cuori pulsanti e le basi per un cervello, così come il sacco vitellino dove l’embrione si sviluppa e da cui riceve i nutrienti nelle sue prime settimane.

Questa è la fase di sviluppo più avanzata raggiunta fino a oggi in un modello derivato da cellule staminali.

Torna su