mamme

Cresce il numero di mamme italiane che lasciano il lavoro: impossibile conciliare impiego e famiglia

Si parla da tempo della difficoltà delle mamme di conciliare lavoro e vita privata.
Se per i paesi nordeuropei la maternità non costituisce più un problema, ma al contrario viene visto come una risorsa a cui porgere assistenza, in Italia si registra la tendenza opposta.
Una donna che fa figli costruisce un cattivo investimento per il datore di lavoro, oltre a rappresentare un ostacolo per la propria realizzazione personale e professionale. Il lavoro infatti, se la donna è fortunata da averne uno, mal si concilia con la vita di famiglia. Gli orari sono scomodi, lo stipendio esiguo e i nidi a pagamenti rari e costosi. Qual è la conseguenza? Le neomamme sono costrette ad abbandonare il lavoro. Così nel nostro paese nascono pochi bambini e sempre più tardi.

Leggi anche: Maam U, il master online dedicato a mamme e papà

mammeEppure la nostra penisola offre una varietà di costumi e contesti differenti sia per quanto riguarda il lavoro, sia per la rete familiare. Ma questa triste tendenza è capace di accomunare tutte le regioni. I nonni lavorano ancora e non possono badare ai piccoli, le mamme non possono sfruttare agevolazioni o orari ridotti e la maggior parte fa una scelta decisiva: abbandonare il posto di lavoro per potersi occupare del figlio.

Secondo i dati dell’Ispettorato nazionale del lavoro, le dimissioni con figli minori di 3 anni sono state 37.738.
Le donne che si sono licenziate volontariamente sono state 29.879, 24618 delle quali con la specifica causa della mal conciliazione tra maternità e lavoro, mentre le restanti 5.261 hanno cambiato ruolo.

Una esempio su tutti in Italia è dato dalla regione Lombardia, dove nel numero di donne che si sono licenziate, la metà è stato proprio per cause legate all’arrivo di un pargolo:  non accoglimento all’asilo nido, mancanza di parenti di riferimento e una non adeguata cifra assistenziale tra costi di mantenimento del bimbo e quella percepita come guadagno.

mammeLeggi anche: Imprese donna: possibilità e ostacoli per le donne nel mondo del lavoro

Insomma, se anche la regione più ricca ed economicamente sviluppata d’Italia registra questi dati, l’Italia non è certo un paese per mamme.

Il problema più grande risulta poi cercare nuovamente lavoro una volta fuori dal giro delle assunzioni causa, appunto, maternità.

mamme

CONDIVIDI
Roberta Montella
Leggere le piace, scrivere ancor di più. Dopo due Università, un Master e numerose redazioni, è Content Editor di Business.it, un portale che esprime tutta la sua curiosità per i nuovi media e l’innovazione tecnologica. Adora il cinema, odia la superficialità. Usa la tastiera come tappeto magico per esplorare a fondo l’intero mondo digitale.