Guide

Crescita professionale, le 10 regole del galateo sul lavoro

Il rispetto e le buone maniere sul lavoro sono una parte molto importante della vita quotidiana dietro una scrivania o comunque all’interno del mondo professionale. Rivolgersi ai colleghi, ai superiori o più semplicemente a chi ci sta intorno in un certo modo permette di creare rapporti che alla lunga possono inficiare in modo positivo sui risultati e sulla qualità del nostro lavoro e di quello degli altri. Il galateo aziendale, se così lo possiamo definire, non è un insieme di regola scritte nella pietra anche se si tratta di indicazioni molto importanti che possono sempre ritornare utili nel corso della nostra carriera. Nel mondo del lavoro nulla deve essere lasciato al caso e anche un piccolo dettaglio può essere notato e interpretato in un certo modo. Per questo, un buon comportamento in azienda, con i colleghi, con i superiori e con i collaboratori può essere un valore aggiunto. Ma quali sono le regole del galateo aziendale da seguire sul lavoro? Nel libro “The Essentials of Business Etiquette”, Barbara Pachter ci da un quadro su quelli che dovrebbero essere gli atteggiamenti da tenere. Abbiamo selezionato 10 regole che riteniamo più importanti, eccole.

Ricerca del lavoro: sviluppare una strategia di marketing personale
Dare sempre la mano per primo se si ospita o si è la persona più alta in grado

E’ buona norma essere il primo a dare la mano quando qualcuno entra nel nostro ufficio. Allo stesso modo, se siete la figura professionale più alta in grado dovete sempre porgere per primo il saluto per non creare imbarazzo.

Presentarsi sempre con il nome completo

La prassi vuole che ci si presenti con il nome completo. E’ certamente poco professionale dire soltanto “Mario” piuttosto che “Carlo”: indicate sempre il nome completo al momento della presentazione.

Alzarsi quando ci si presenta con qualcuno

Quando qualcuno che non conoscete entra nel vostro ufficio oppure all’interno della sala riunioni cercate sempre di alzarvi in piedi per presentarvi: questo serve a “stabilire la vostra presenza.”

Ringraziare solo una o due volte durante una conversazione

L’eccessivo uso dei ringraziamenti all’interno di una conversazione finiscono per far perdere di significato questa parola, indebolendola e indebolendo anche la nostra figura agli occhi di chi ci sta di fronte.

lavoro-buon-dipendente
Vestirsi in modo adeguato

Avere un abbigliamento consono sul luogo di lavoro è fondamentale. Cercate sempre di indossare capi adeguati alla situazione.

Salutare sempre le persone sul lavoro

L’educazione è sempre molto apprezzata e in fin dei conti un saluto non costa nulla. “Salve” o “Buongiorno” sono formule di cortesia che possono ritornarci utili anche con chi non conosciamo se un giorno questa persona siederà al nostro fianco in una riunione.

Essere puntuali

Cercate di non arrivare mai in ritardo, né ad un appuntamento e men che meno in ufficio. La puntualità è indice di professionalità.

Mettere via il telefonino

Se state discutendo con qualcuno o avete un meeting, cercate di non tenere il cellulare sempre sotto gli occhi. Chi vi sta di fronte avrà l’impressione che non lo stiate ascoltando.

Usare un linguaggio professionale nelle mail

Mantenete un tono professionale anche nelle mail. I saluti e la forma anche nei messaggi interni devono cercare sempre di calcare l’ambito nel quale ci si trova.
Leggi anche: Cercare lavoro, cosa eliminare dal curriculum vitae