Interni

Dal fidanzato della Le Pen alla moglie di Calderoni: così Salvini punta all’Europa

L’obiettivo è stata fissato, portare almeno “25 europarlamentari a Strasburgo occupando quindi un terzo dei posti a disposizione dell’Italia nell’Europarlamento”. Gli attori, pronti a scendere insieme in vista delle elezioni delle europee. Salvini ha parlato dei candidati della Lega come di persone “clamorosamente normali, sindaci, consiglieri, non ci sono attrici e celebrità”. Lui, il numero uno del Carroccio, sarà il capolista in tutte le circoscrizioni: Nord, Sud, Centro e Isole.

Tra gli altri 70 nomi in corsa per Strasburgo ci sono diversi militanti leghisti di lungo corso e tanti amministratori locali, tra sindaci, ex sindaci e consiglieri comunali. Spicca il nome di Marco Zanni, responsabile esteri di via Bellerio, l’unico leghista che lo scorso 8 aprile era all’hotel Gallia con il leader Salvini per la presentazione della piattaforma sovranista. Ma c’è anche Alessandro Panza, responsabile dell’organizzazione federale. Entrambi sono candidati nella circoscrizione Nord occidente.
Per il Centro, fa capolino in lista Antonio Maria Rinaldi, professore “no euro”, e Angelo Pavoncello, vicepresidente dell’associazione nazionale ambulanti (Ana). Non mancano, però, le sorprese. A partire da Francesca Donato, avvocata marchigiana che vive a Palermo e corre nella circoscrizione insulare. L’ideatrice del progetto Eurexit, che ha come scopo quello di uscire dall’Euro per rilanciare l’economia e “ripristinare la democrazia in Italia e in Europa”.E ancora. Vincenzo Sofo, classe 1986, fondatore del blog di destra Il Talebano e famoso per il legame con Marion Le Pen, nipote di Marine, leader del Front National francese, con la quale è fidanzata dal 2017. Nella circoscrizione Italia meridionale Massimo Casanova, gestore del Papeete Beach, famosa discoteca di Milano Marittima. A Nord ovest, invece, ecco Gianna Cancia, moglie del vice presidente del Senato Roberto Calderoli. 

“Forse ho detto, non ricordo…”. La figuraccia di Calderoli, condannato per razzismo contro la Kyenge