Tecnologia

Dark Web: o web oscuro, cos’è e cosa si rischia

In TV e sui giornali si sente parlare sempre più spesso di Deep Web, o Dark Web, ma cos’è e come entrare? Per rispondere a questa domanda in parole povere, il Deep Web è una parte di Web “sommersa” in cui vengono svolte tantissime attività, da quelle più discutibili e illegali (come la vendita di documenti falsi) ad altre molto più “tranquille”. Trattasi sostanzialmente di siti “nascosti” che non si trovano facendo delle normali ricerche in Google e che possono essere visitati solo sfruttando la rete di anonimizzazione (come TOR ). Deep web non va confuso con dark web: se accedere al deep web è facile, le risorse messe a disposizione sul dark web non sono invece accessibili con i browser più noti, almeno nella loro configurazione predefinita.

dark-web-mondo-oscuro

Il Surface, la parte “chiara” di internet

Il primo livello della nostra avventura è rappresentata dal “Surface Web“, cioè di quello che sta alla superficie. Uno dei pilastri di internet sono i motori di ricerca: questi, attraverso dei software automatici chiamati crawler, scandagliano le pagine di internet. I programmi verificano i contenuti dei siti, seguono i link, leggono le directory che raccolgono i principali portali esistenti. Alla fine, i dati raccolti sono conservati in enormi database per essere restituiti a qualsiasi utente quando fa una ricerca nella mascherina, ad esempio di Google.

Questo è il “Surface web“, ovvero la parte visibile, normalmente accessibile e catalogabile senza troppi sforzi di internet. Di questo mondo fanno parte i normali siti di informazione, gli e-commerce più famosi, i social network che usiamo comunemente (almeno una loro parte). Insomma è il web che conosciamo.

Leggi anche: Sicurezza informatica: la ricetta efficace contro le minacce interne alla security

Deep Web e Dark Web le differenze

Con il termine Deep Web si indica l’insieme dei contenuti presenti sul web e non indicizzati dai comuni motori di ricerca (ad es. Google, Bing). Si tratta di dati che non sono più immediatamente accessibili e per poter essere raggiunti gli utenti devono avere delle capacità più ampie della norma. Devono conoscere l’esatto indirizzo URL della risorsa che cercano o essere avviati da qualcuno verso un contenuto. Questo è il deep web, la parte più profonda di internet. E’ una zona amplissima e riservata, nascosta dalla luce del sole, che è terreno fertile per lo scambio di informazioni sensibili. 

Mentre il Dark Web è la parte totalmente inaccessibile ai normali utenti, utilizzata sostanzialmente per una vasta serie di traffici illegali. E’ dove si trova il peggio della rete. Elementi appartenenti al Dark Web sono anche i contenuti privati scambiati tra utenti all’interno di un network chiuso di computer, strutture definite come darknet. Qui vige una regola fondamentale: l’anonimato. In questo modo, il traffico e i dati scambiati attraverso questi “nodi” intermedi, diventa cifrato e anonimo, e la propria identità viene efficacemente camuffata

Leggi anche: Sicurezza informatica: la ricetta efficace contro le minacce interne alla security

dark-web-mondo-oscuro

Cosa si trova nel Dark Web?

Innanzitutto, droga e ogni tipo di sostanza. Esistono dei veri e propri e-commerce nascosti, chiamati “Black Market”, dove si vendono in maniera sistematica, generi illegali. Dalla Cannabis alla marijuana, per arrivare alle droghe pesanti come ecstasy, eroina e cocaina. Ma anche medicinali per stimolare i rapporti sessuali, allucinogeni e farmaci antidepressivi, ansiolitici e psicofarmaci, che normalmente avrebbero bisogno di ricetta medica.

In secondo luogo: armi. Armi più leggere come scacciacani e pistole corte, fino ad armi da fuoco in dotazione alle forze dell’ordine o fucili da caccia, per arrivare, anche se bisogna cercare bene e pagare molto, a mitragliatori, piccole bombe e bazooka. Gadget presenti e molto richiesti, anche bombe molotov, bottiglie incendiarie e una vasta gamma di esplosivi, dai più semplici ai più complessi. Un’altro raccapricciante pilastro del Dark Web è rappresentato dalla pornografia minorile. In un mondo anonimo, l’essere umano si abbandona agli istinti più bassi, e questa parte oscura del web è il paradiso di ogni tipo di pervertito o di pedofilo. Il Dark Web è luogo, per rimanere in tema, di orrore e di morbosità.

Leggi anche: Social media: come i giganti tecnologici utilizzano la cocaina comportamentale

Il web che tutti conosciamo non rappresenta che solo una parte delle pagine complessivamente disponibili online. Esiste infatti anche un web sommerso, sconosciuto ai più, che non è direttamente accessibile e che non è indicizzato dai motori di ricerca tradizionali. Le pagine web che compongono la “parte superficiale” del Web che tutti conosciamo non occupano che il 4-5% del totale: si tratta delle pagine complessivamente indicizzate dai motori di ricerca, circa un miliardo di siti ovvero quelli che gli utenti possono potenzialmente raggiungere, ogni giorno, a livello mondiale. Il Dark Web, come abbiamo visto, è un ambiente difficile da monitorare per ammissione stessa degli esponenti delle agenzie di intelligence e delle forze dell’ordine, è naturale quindi che cellule terroristiche lo utilizzino per le proprie attività. La pericolosità del Dark Web è oramai testimoniata da diverse operazioni di polizia internazionale, che hanno portato allo scoperto diverse organizzazioni criminali e attività illecite. Eliminare il più grande mercato della rete oscura della storia è un’altra sfida per le forze dell’ordine. Tuttavia si spera che The Dark Web svanisca presto.

Leggi anche: Internet: capire quanto è terribile per la nostra salute mentale