Interni

Parenzo contro Salvini e la Meloni: “Loro sono due falsari”

Un titolo che è già un programma, “I Falsari”. Un libro edito da Marsilio che è un viaggio nelle istituzioni europee per smascherare le bufale che secondo David Parenzo, storico conduttore del programma La Zanzara, vengono propinate ai cittadini attraverso quello che definisce lo “storytelling sovranista”. Nel mirino Matteo Salvini e Giorgia Meloni in particolare, ma anche l’atteggiamento ondivago del M5s o il “cattivismo” imperante nella comunicazione social.

Intervistato da The Millenial, Parenzo ha chiarito alcuni punti del suo libro. A partire dalle polemiche per la mancata partecipazione di Salvini ai festeggiamenti del 25 aprile: “Pura propaganda. Vive in costante necessità di essere sui giornali. I sovranisti vincono perché catalizzano l’attenzione e sono divisivi. Ma la lotta alla mafia si fa tutto l’anno. Magari evitando di minacciare Roberto Saviano di togliergli la scorta. Il 25 aprile abbiamo fatto il pieno di messaggi contraddittori e idioti. Come quello di Giorgia Meloni che ha scritto: Chi crede nella libertà e la democrazia si batte oggi contro l’oppressione di questa Unione Europea ostaggio dei burocrati e dei tecnocrati”.

Come dovrebbe cambiare l’Europa? “Intanto servirebbe arrivare a un vero federalismo. Il ‘sovranismo’ dovrebbe essere europeo. Per arrivare a considerare la politica europea politica interna. I 500 milioni di persone con un’unica moneta, tolti alcuni paesi, rappresentano il nostro mercato interno. Cosa ci unisce poi? La storia, segnata dalle dittature: comunista o nazi-fascista. Cosa c’è di più interessante di un patto tra nazioni per costituire un nuovo accordo dopo quell’orrore?”.“Chi sostiene il contrario fa parte dei ‘falsari’, perché stravolgono la storia e le identità. Non mi spaventano, sono grotteschi. Salvini con il mitra in mano non mi fa paura, è tragicomico. È lo stesso che voleva dichiarare la guerra alla Siria per risolvere il problema dell’immigrazione e ora prende in ostaggio 46 persone su una nave”.

La Meloni ora provoca Salvini: “Gli è mancato il coraggio”