Esteri

Detroit, corpi ammassati nelle stanze vuote in ospedale: le foto choc che sconvolgono gli Usa

L’emergenza Coronavirus sta mettendo in difficoltà i sistemi sanitari di tutto il mondo, ma in particolar modo quello statunitense. Dopo le foto choc delle fosse comuni a New York, un’altra immagine terribile che sconvolge gli Stati Uniti in questi giorni di pandemia, sta facendo il giro del mondo: è ciò che accade all’interno del Sinai Grace Hospital, uno degli ospedali principali della città di Detroit. Le crude immagini pubblicate dalla Cnn mostrano corpi privi di vita chiusi in buste bianche, ammassati nelle celle frigorifere davanti all’ospedale per mancanza di posti nell’obitorio o posizionati sui letti delle stanze vuote.Le foto sarebbero state scattate da un operatore del pronto soccorso: come hanno confermato due altri impiegati, si tratta delle testimonianza di cosa sta accadendo all’interno dell’ospedale dall’inizio di aprile. Una delle fonti della Cnn ha spiegato che una delle stanze, usate perlopiù per dormire o studiare, è stata trasformata per ospitare le salme delle vittime in assenza di altro spazio. “Tutto quello che so è che abbiamo finito i letti per i pazienti e non c’era più posto per i corpi”, ha detto l’operatore.Davanti alla pubblicazione delle immagini, il portavoce dell’ospedale, Brian Taylor, ha riferito alla Cnn: “I pazienti che muoiono nel nostro ospedale sono trattati con rispetto e dignità e rimangono qui fino a quando non potranno essere dimessi in modo appropriato”.In America, nel frattempo, si dibatte delle modalità di gestione del quadro pandemico: dopo un pomeriggio centrato sulle presunte polemiche tra il capo della task force della Casa Bianca Anthony Fauci e il presidente Donald Trump, il primo ha smentito alcune delle ricostruzioni durante una conferenza stampa di ieri sera, spiegando come Trump abbia ascoltato eccome i pareri degli esperti, prendendo così le contromisure che conosciamo.

Ti potrebbe interessare anche: La rabbia degli afroamericani: “Noi, cittadini neri, abbandonati di fronte al coronavirus”