People

Di Maio, che gavettone al comizio! Per il ministro un bel bagno… ma non di folla

Brutto episodio per il ministro degli Esteri Luigi Di Maio nella sua terra, in Campania. L’ex capo politico del Movimento 5 Stelle era impegnato in un incontro pubblico a San Giorgio a Cremano (Napoli) quando è stato raggiunto da una secchiata d’acqua. Un messaggio più che eloquente da parte del contestatore. Di Maio si trovava tra la folla nella città dov’è nato l’attore Massimo Troisi per sostenere la candidatura di una esponente politica locale. Mentre si avvicinava ad uno stand, gli è arrivata addosso dell’acqua lanciata probabilmente da un palazzo vicino.

Il più classico dei gavettoni. E c’è di buono che a San Giorgio in queste giornate è ancora estate. Per il ministro, solo un po’ di sorpresa e il vestito bagnato. L’episodio, videoripreso con gli smartphone, è subito stato lanciato sui social con numerosi utenti che ne hanno approfittato per postare commenti anche ironici. E in poco tempo, come accade sempre più spesso, il video è diventato virale.

Ad esempio su Twitter il follower Giordano (sul profilo si presenta così: “Sovranista. No Euro. No Pd. No sardine. Siete tutti i benvenuti ma non offendete”) posta il video del gavettone chiosando sarcastico: “Forse a Di Maio serve una doccia fredda. A San Giorgio a Cremano hanno provveduto”. Caustico Diegoarma66: “Fa che non fosse acqua….”. “Attacco fascista contro Di Maio” arriva a dire RadioSavana.

Insomma, per Di Maio non è proprio un bel periodo. Nel Movimento 5 Stelle la lotta interna si fa sempre più dura. Lui punta a riconquistare la leadership, ma il tracollo elettorale che si vede alle porte scombinerà ancor di più i suoi piani. Inoltre, ad agitare ancora di più le acque, arriva la notizia che il gruppo della Camera del M5S sta finanziando sui social la campagna per il “sì” al referendum rilanciando video e post di Salvini e Meloni. Sì, rinfrescare le idee forse gli servirà…

 

Ti potrebbe interessare anche: Facebook rivela: il M5S finanzia la campagna per il “Sì”di Salvini e Meloni al referendum