People

Disabile 12enne picchiata da baby-bulle: il video del pestaggio in diretta social

Una ragazzina dodicenne disabile è stata vittima di bullismo da un gruppo di ragazze poco più grandi di lei in un parco pubblico di Roma nord. Le tre bulle l’hanno pestata fino a lasciarla inerte sul prato, con i vestiti strappati, la faccia gonfia e i lividi ovunque. Ed è proprio in quelle condizioni che è stata trovata dalla madre. Il pestaggio è stato ripreso e trasmesso pubblicamente in una diretta social su Instagram. Da quanto ha riportato il Messaggero, il drammatico pestaggio risalirebbe agli inizi di aprile, ma i motivi per agire con così tanta violenza non sono ancora chiari. I genitori della vittima, sconvolti da quanto accaduto, si sono rivolti al Centro nazionale contro il bullismo – Bulli Stop. Lunedì 26 aprile l’associazione, tramite l’avvocato Eugenio Pini, presenterà una denuncia alla Procura dei minori per lesioni volontarie e stalking.

Il video shock
Il video del pestaggio è stato trasmesso in una diretta Instagram e in pochi minuti ha fatto il giro del web. Nel filmato è visibile l’intera scena: la dodicenne viene spinta, colpita in volto da un pugno e strattonata per i capelli. Intorno a lei si forma un cerchio di ragazzini che riprendono con i propri telefonini l’aggressione. La violenza non è ancora finita perché la vittima, ormai a terra, viene raggiunta da altri colpi. La situazione si fa confusa e alla fine sembra che altri giovani intervengano per allontanare le bulle. La dodicenne, sfiancata dalle botte ricevute, rimane inerte sul prato. Ed è lì che viene trovata dalla madre.

Immediata la corsa all’ospedale, dove è stato certificato un trauma cranico e una prognosi di 21 giorni. Ovviamente anche gli effetti psicologici non sono da sottovalutare. Nei prossimi giorni dovrà sottoporsi ad altri accertamenti. Intanto la gravità dei fatti ha spinto i genitori a rivolgersi al Centro nazionale contro il bullismo – Bulli Stop. Si attende lunedì prossimo, quando l’avvocato dell’associazione, Eugenio Pini, presenterà una denuncia al Tribunale dei minori per il pestaggio subito dalla dodicenne disabile.

Ti potrebbe interessare anche: Il riscatto di Gemma, da vittima di pedofilia a poliziotta a Londra