Lifestyle

Dolori muscolari: cause, sintomi e trattamenti domiciliari e non solo

Le cause del dolore muscolare o mialgia rientrano in alcuni gruppi generali: lesioni o uso eccessivo; fatica; malattia autoimmune; disturbi neurologici e muscolari; infezione; ostruzione del flusso sanguigno o effetti collaterali di alcuni farmaci.

I sintomi della lesione muscolare includono dolore, debolezza, lividi, gonfiore e crampi (spasmi muscolari involontari e contrazioni).
Le lesioni possono derivare da:

Trauma da forza contundente causato da un forte impatto sul corpo;

Strappi muscolari: da un semplice allungamento eccessivo di un muscolo fino a un impatto più gravoso. Gli incidenti, le cadute, i movimenti improvvisi di torsione e le attività atletiche sono cause frequenti degli strappi.

Lesione da movimento ripetitivo come si vede in occupazioni o attività che utilizzano gli stessi movimenti giorno dopo giorno. Esempi professionali potrebbero includere lavoratori manuali pesanti come magazzinieri. Anche seguire la stessa routine di esercizi o concentrarsi esclusivamente su uno sport potrebbe essere una causa.

Lesioni da uso eccessivo del muscolo, spesso riscontrate negli atleti che gareggiano in sport come nuoto, calcio, boxe, wrestling, calcio e atletica leggera. Le fibre muscolari possono essere predisposte e soggette a lesioni quando la stessa attività viene eseguita, più e più volte, senza alcuna variazione. I muscoli sono dinamici e devono muoversi in molte direzioni per rimanere funzionali. Gli esercizi dovrebbero essere eseguiti come tali, per evitare di esporre le fibre muscolari alla stessa forza ripetitiva.

Il riscaldamento e il defaticamento impropri sono una delle cause più comuni di stiramenti muscolari in un individuo atletico. Le fibre nei muscoli sono in grado di svolgere il loro lavoro in base alla loro capacità di allungarsi e contrarsi; migliore è il loro movimento, minori sono le possibilità di lesioni. Trascorrere 5 minuti prima e dopo l’esercizio per concentrarsi sullo stretching dei muscoli e svolgere attività a bassa intensità (come una corsa molto leggera, o il 25% del peso che stavi sollevando) può aiutare a prevenire il verificarsi di tensioni muscolari.

Una cattiva postura può causare dolore e tensione muscolare, poiché posizioni innaturali del corpo mettono a dura prova i muscoli e i tessuti molli. Una cattiva postura include sdraiarsi su una sedia; curvatura estrema nella parte bassa della schiena causata dall’uso di tacchi alti o da un eccesso di peso intorno alla parte centrale; appoggiandosi su una gamba; curvo la schiena; spingere in fuori il mento; girando le spalle e tenendo un telefono tra il collo e la spalla. Oltre ad essere consapevoli di mantenere il corpo in linea, sono disponibili esercizi specifici per aiutare a correggere le cattive abitudini di postura.

Una cattiva forma durante l’allenamento può predisporre a lesioni muscolari significative, soprattutto quando una grande forza, come il sollevamento pesi, attività di alto carico o la resistenza prolungata di un’attività è posta sopra una forma scadente.

Sindrome compartimentale: i compartimenti sono gruppi di muscoli, nervi e vasi sanguigni delle braccia e delle gambe, coperti da una fascia dura. La sindrome compartimentale si verifica quando una lesione provoca gonfiore e sanguinamento all’interno di un compartimento, aumentando la pressione sui vasi sanguigni, sui nervi e sui muscoli circostanti al punto da soffocare un adeguato nutrimento e ossigeno. La parte anteriore della parte inferiore della gamba è più frequentemente colpita, ma possono esserlo anche braccia, mani, piedi e glutei.

Dolore acuto: si verifica dopo un grave incidente o una frattura ossea e deve essere trattato come un’emergenza medica. La chirurgia è spesso necessaria per alleviare la pressione all’interno del compartimento.

Cronico (da sforzo): l’esercizio, in particolare l’attività di movimento ripetitiva come corsa, bicicletta o nuoto, provoca dolore o crampi. L’interruzione dell’attività, l’applicazione di un antidolorifico da banco locale come il Voltaren, e l’allenamento incrociato di solito portano sollievo.

Rimedi casalinghi per i dolori muscolari

Molte persone possono trattare i loro sintomi usando il cosiddetto metodo RICE, che prevede:

  • Riposo: sottoporre a riposo l’area interessata e interrompere l’attività che ha causato l’infortunio;
  • Ghiaccio: usa un impacco di ghiaccio o un sacchetto di surgelati per alleviare il dolore e ridurre il gonfiore. Applicare ghiaccio sulla zona per 15-20 minuti tre volte al giorno;
  • Compressione: usa un bendaggio compressivo per ridurre il gonfiore;
  • Elevazione: se possibile, sollevare i piedi per ridurre al minimo l’infiammazione.

Altri rimedi casalinghi utili includono:

  • Utilizzo di antidolorifici OTC, farsi consigliare dal proprio farmacista, come i professionisti della salute della Farmacia Guacci, il più adatto al tipo di dolore;
  • Allungare con cura i muscoli interessati.

I dolori muscolari non sono sempre innocui e, in alcuni casi, il trattamento domiciliare non è sufficiente per affrontare la causa sottostante. La mialgia può anche essere un segno che qualcosa non va seriamente nel tuo corpo. I muscoli indolenziti potrebbero essere dovuti a qualcosa di diverso dalla tensione e dall’attività fisica. In questo caso, il medico sarà la persona migliore per consigliarti su come risolvere completamente il tuo dolore muscolare. La priorità sarà trattare la condizione primaria.

Come regola generale, dovresti consultare il tuo medico se il tuo dolore muscolare non si risolve dopo alcuni giorni di cure domiciliari e riposo.