People

Don Riccardo e l’addio alla chiesa e ai fedeli: “Il mio cuore è innamorato”

Innamorato di Dio ma ancor di più di una donna. Don Riccardo Ceccobelli, 42 anni, parroco dell’Unità parrocchiale di San Felice di Massa Martana, ha deciso di dismettere gli abiti talari dopo essersi accorto che i sentimenti che prova per una donna sono più forti della sua vocazione. “Il mio cuore è innamorato, seppure non abbia mai avuto modo di trasgredire le promesse che ho fatto. Voglio provare a vivere quest’amore senza sublimarlo, senza allontanarlo”, ha detto l’ex sacerdote. L’annuncio è arrivato domenica, al termine della celebrazione della messa nella chiesa parrocchiale, con accanto il vescovo Gualtiero Sigismondi, il quale ha spiegato ai fedeli che don Riccardo “ha manifestato il desiderio di domandare al Santo Padre la grazia della dispensa dagli obblighi del celibato, e quindi dagli oneri connessi alla sacra ordinazione”.

Padre Gualtiero ha proseguito dicendo: “In via cautelare, viene sospeso dalla guida dell’Unità pastorale di San Felice in Massa Martana. Le motivazioni della sua scelta sarà lui stesso, se vorrà, a presentarle”. Poco dopo è stato lo stesso Don Riccardo a prendere la parola e a spiegare le ragioni della sua scelta radicale e sicuramente non facile dopo nove anni di sacerdozio: “Amo e rispetto la Chiesa. Non posso non continuare ad essere coerente, trasparente e corretto con essa come finora sono sempre stato. Il mio cuore è innamorato seppure non abbia mai avuto modo di trasgredire le promesse che ho fatto; voglio provare a vivere quest’amore senza sublimarlo, senza allontanarlo”.

Dopo essersi congedato don Riccardo ha ribadito la sua volontà di rimettersi totalmente al giudizio della Chiesa, ringraziando tutti coloro che negli ultimi sei anni trascorsi in Umbria hanno collaborato con lui nelle attività parrocchiali. La sua decisione ha trovato comprensione nella comunità: “Ha fatto una scelta giusta e coraggiosa”.

Ti potrebbe interessare anche: Lui muore di Covid, lei si salva: “La nostra ultima notte abbracciati in un letto d’ospedale”