People

“Si spaccano in due dopo le europee”. La voce del palazzo sul Movimento 5Stelle

Inizia a prendere corpo, in una fredda mattina di gennaio, una voce destinata ad apparire e sparire a intermittenza fino al 26 maggio, data delle Europee. Quella che rimanda alla possibilità che il M5S, all’indomani della madre di tutte le tornate elettorali del 2019, si divida in due blocchi. Uno fedele all’alleanza con Salvini, guidato da Di Maio. E un altro contrario, al governo e a Salvini, con alla testa Alessandro Di Battista. “Se c’è uno di cui mi fido davvero è Di Maio. Adesso ci stanno provando anche qui dentro, a farci litigare… Ecco, Luigi è uno con cui davvero si può governare cinque anni”.

Sono le ore successive alla tempesta che si è scatenata dopo che Giuseppe Conte ha virtualmente aperto le porte alla Sea Watch, le prime ore di giovedì 10 gennaio. Ai pochi e fidatissimi che riescono a parlarci di buon mattino, Salvini affida questa che è l’unica regola per la comunicazione dei giorni a venire. Che, forse, sarà quella dei mesi a seguire.

Il “qui dentro” – dove a suo dire starebbero tentando di mettere lui contro l’altro vicepremier – è Palazzo Chigi. E quindi Conte e tutto il suo staff, comunicazione compresa. Altra cosa, invece, è Di Maio, “uno di cui mi fido davvero”. Se doveva servire a tracciare un abbozzo di sintesi tra i due mondi, il patto di Capodanno sottoscritto dai due gemelli diversi del M5S pare fallito in partenza. L’uno non perde occasione per difendere la Lega, l’altro si muove in maniera opposta.

“La Lega in piazza per la Tav non mi scandalizza”, è la posizione del vicepremier. Di Battista la vede all’opposto. La Tav? “Non si deve fare”. Con Baglioni o con Salvini? “Baglioni ha fatto benissimo a dire quello che pensa, mi è sempre piaciuto”, dice Di Battista. Difficile spacciarlo per un gioco delle parti. “All’interno del M5S potrebbe consumarsi presto una spaccatura epocale”, sostengono i fedelissimi di Salvini.

Stando alle riflessioni condivise ai massimi livelli con il ministro dell’Interno, “dopo la prevedibile sconfitta al voto, Grillo o chi per lui si alzerà per dire che l’esperienza del governo con noi va chiusa subito. E qualcun altro, a cominciare da Di Maio e dalla maggioranza dei parlamentari, sosterrà che dobbiamo andare avanti”. Oggi Di Maio è sicuramente più in sintonia col collega vicepremier che non con l’ortodossia pentastellata.

Sul decreto sicurezza Palazzo Chigi ha aperto a un confronto coi sindaci “ribelli”? Di Maio ha sposato la linea dura di Salvini. La Raggi ha attaccato Salvini sulle forze dell’ordine a Roma? Di Maio s’è schierato dalla parte del Viminale, bacchettando la sindaca. Grillo ha firmato il patto per la scienza promosso da Roberto Burioni? Di Maio ha preso le distanze dal fondatore del Movimento e in suo soccorso è sceso in campo proprio Salvini. E questi sono solo piccoli dettagli…

 

Ti potrebbe interessare anche: Di Maio “Pinocchio”: tutte le promesse non mantenute dal Movimento 5Stelle