Esteri

Ucraina, Draghi: “Contro attacco militare servono armi, non incoraggiamenti”

“L’invasione dell’Ucraina da parte della Russia segna una svolta decisiva nella storia europea. – dichiara il presidente del Consiglio Mario Draghi nelle comunicazioni al Senato sul conflitto tra Russia e Ucraina – Negli ultimi decenni, molti si erano illusi che la guerra non avrebbe più trovato spazio in Europa. Che gli orrori che avevano caratterizzato il Novecento fossero mostruosità irripetibili. Che l’integrazione economica e politica che avevamo perseguito con la creazione dell’Unione Europea ci mettesse a riparo dalla violenza. Che le istituzioni multilaterali create dopo la Seconda Guerra Mondiale fossero destinate a proteggerci per sempre”.

Mario Draghi e Vladimir Putin

“In altre parole – prosegue Draghi – che potessimo dare per scontate le conquiste di pace, sicurezza, benessere che le generazioni che ci hanno preceduto avevano ottenuto con enormi sacrifici. Le immagini che ci arrivano da Kiev, Kharkiv, Maripol e dalle altre città dell’Ucraina in lotta per la libertà dell’Europa segnano la fine di queste illusioni. L’Italia ha risposto all’appello del Presidente Zelensky che aveva chiesto equipaggiamenti, armamenti e veicoli militari per proteggersi dall’aggressione russa”.

epa09780860 Italian Prime Minister Mario Draghi addresses a press conference about the situation in Ukraine, at Chigi’s Palace, Rome, Italy, 24 February 2022. EPA/MAURIZIO BRAMBATTI

“È necessario che il Governo democraticamente eletto sia in grado di resistere all’invasione e difendere l’indipendenza del Paese. – puntualizza ancora Draghi – A un popolo che si difende da un attacco militare e chiede aiuto alle nostre democrazie, non è possibile rispondere soltanto con incoraggiamenti e atti di deterrenza. Questa è la posizione italiana, dell’Unione Europea, dei nostri alleati. Questa convergenza è anche il frutto di una intensissima attività diplomatica”.

Secondo Draghi comunque è “essenziale mantenere aperta la via del dialogo con Mosca. Il governo è al lavoro per mitigare l’impatto di eventuali problemi per quanto riguarda le forniture energetiche. Al momento non ci sono segnali di un’interruzione delle forniture di gas. Tuttavia è importante valutare ogni evenienza. Visto il rischio di ritorsioni e di un possibile ulteriore inasprimento delle sanzioni. L’Italia ha ancora 2,5 miliardi di metri cubi di gas negli stoccaggi e l’arrivo di temperature più miti dovrebbe comportare una significativa riduzione dei consumi da parte delle famiglie”, conclude.

Potrebbe interessarti anche: Zelensky irritato con Draghi: “Prossima volta sposterò agenda bellica per parlare con lui”

Torna su