People

Zaky, Draghi se ne lava le mani e interviene Amnesty: duro attacco al premier italiano

Ed ora anche Amnesty International prende posizione contro le parole del premier Draghi sulla cittadinanza italiana a Zaky. “Quella su Patrick Zaky è un’iniziativa parlamentare in cui il governo non è coinvolto al momento”, aveva infatti risposto perentorio il premier durante la conferenza a Palazzo Chigi a chi gli ha chiesto se il governo, come richiesto dal Senato con un ordine del giorno bipartisan, concederà la cittadinanza italiana a Patrick Zaky, il ricercatore italiano che studiava in italia e che si trova in carcere in Egitto da oltre un anno. Le parole del presidente del Consiglio hanno suscitato subito le proteste di associazioni e esponenti della maggioranza. “Si tratta di un brutto segnale”, commenta Riccardo Nuory, portavoce di Amnesty. (Continua a leggere dopo la foto)

“Il governo in aula al Senato si è impegnato, con tutte le riserve del caso, ma si è impegnato a concedere la cittadinanza. Se ora si tira indietro dopo due giorni è un brutto segnale francamente”. Ma la polemica sulle parole di Draghi – come scrive Repubblica – è scoppiata anche nella maggioranza. “Il governo deve fare la sua parte”, scrive su Twitter il deputato del Pd Filippo Sensi. E Giuseppe Brescia, presidente grillino della commissione Affari costituzionali della Camera, aggiunge: “Spero ci sarà più attenzione per le iniziative del Parlamento, apparentemente oggi derubricate alla voce ‘varie ed eventuali'”. (Continua a leggere dopo la foto)

“Il governo ha espresso parere positivo sull’ordine del giorno per la cittadinanza a Zaky – ricorda il senatore dem Francesco Verducci – e l’auspicio di tutti è che quanto prima dia seguito ad atto così rilevante e pressante del Senato . Sono oltre 200mila i cittadini che hanno sottoscritto la petizione per la cittadinanza a Zaki. Sono sicuro – conclude – che il governo farà la sua parte con determinazione nel rispetto degli impegni presi con il Parlamento”. (Continua a leggere dopo la foto)

Protesta per le parole del premier anche Nicola Fratoianni, portavoce di Sinistra italiana. “Mi spiace contraddire il presidente del Consiglio – dice ma il voto del Senato sull’odg impegna il governo su 5 punti a partire dal conferimento della cittadinanza italiana. Non voglio neanche per un momento pensare – conclude – che all’interno della maggioranza che sostiene questo governo, si sia voluto fare solo un po’ di propaganda sul dramma che sta vivendo il giovane universitario incarcerato ingiustamente”.

Ti potrebbe interessare anche: Sileri contro il governo per le riaperture: “Decisamente avventate. È uno sbaglio”