Esteri

Anche il Brasile vuole il suo Trump. Elezioni, numeri pazzeschi: sarà ballottaggio

Numeri pazzeschi, ma non è vittoria al primo turno, si andrà al ballottaggio: Jair Bolsonaro ha conquistato la prima mano, ma non ha superato la soglia del 50 per cento dei voti. Se la dovrà vedere al ballottaggio con il candidato del Pt, Fernando Haddad, il leader che ha sostituito Lula nella corsa alla presidenza del Brasile. L’uomo forte del paese, l’ex capitano dell’Esercito, esponente della destra estrema, raggiunge comunque percentuali che nessuno si sarebbe aspettato solo qualche mese fa. Gli elettori lo hanno premiato con il 47, 60 per cento dei voti, oltre 43 milioni di consenso sui 147 iscritti nei registri elettorali.

Il suo diretto avversario lo insegue a 20 punti percentuali di distanza (27,97). Si confronteranno ancora una volta nella sfida finale il prossimo 28 ottobre. Non sarà facile per l’ex ministro dell’Educazione nei governi Lula e Rousseff e docente di Scienze Politiche all’università di San Paolo.

Il successo di Bolsonaro lo costringerà a nuove alleanze con gli altri candidati: Ciro Gomes, del PDT che ha raccolto 12,50 e Geraldo Ackmin, del PSDB, che si è fermato al 4,97. La gente è andata a votare in massa. L’astensione è stata del 22 per cento, registrata soprattutto negli Stati del nord ovest, più isolati e poveri. Rassegnazione e disillusione.

Ma il voto elettronico ha consentito di conoscere i risultati tre ore dopo la chiusura dei seggi. I primi dati ufficiali, resi noti poco dopo le 19 di ieri, apparivano clamorosi. Jair Bolsonaro spiccava in testa con il 49,02 per cento. Era a un passo dalla vittoria netta al primo turno. Una percentuale che si è ridotta con il tempo e l’afflusso dei voti che arrivavano soprattutto dagli Stati del nord est, basi elettorali del Pt.

Alla fine si è assestato attorno al 47 per cento, mentre Haddad recuperava consensi piazzandosi sul 27 per cento. Percentuali maggiori di quelle registrate da tutti i sondaggi. Ma in linea con lo scenario che tutti ormai immaginavano e che i voti veri hanno confermato. Adesso iniziano le trattative. Ci sono altri 10 milioni di voti in ballo. Haddad ha già detto che “aprirà a ogni alleanza, nessuna esclusa”.

Bolsonaro festeggia. Avrebbe voluto chiudere la partita subito. Ma ha un’autostrada davanti. Vede già il traguardo. Se verrà eletto sarà il primo ex militare a tornare alla guida del Brasile 30 anni dopo la fine della dittatura. Ma anche il primo esponente di quella vastissima platea delle Chiese Evangeliche.

 

Ti potrebbe interessare anche: Di Maio e Salvini in coro: “Tra sei mesi l’Europa sarà finita. Li licenzieremo”