Interni

Europee, arrivano i primi (sorprendenti) risultati

Si è già votato per le europee in Irlanda e non mancano i primi dati a sorpresa: nel Paese, i cittadini si sono espressi anche per le elezioni locali e per un referendum sul divorzio veloce. Stando ai primi, ancora approssimativi, exit poll diffusi dalla tv Rte, mentre lo scrutinio inizia dalle amministrative, il Finn Gael (Ppe) del premier Leo Varadkar e il Fianna Fail (Alde) di Michael Martin sono attorno al 23% come quota nazionale di voti. A sinistra cala di 3 punti al 12% lo Sinn Fein, mentre volano i Verdi, dall’1,6 al 9%, e resta al 6% il Labour.

Per i Verdi grandissima affermazione soprattutto nella capitale dove, sempre secondo gli exit poll, il partito guidato da Ciarán Cuffe sarebbe in testa con il 23% con un grande distacco dal Fine Gael. Il partito conservatore del premier Leo Varadkar (alleato del Ppe) è solo secondo con il 14%, incalzato dal partito conservatore Fianna Fáil, alleato di Alde, pari con il 12% con Indipendents 4 change (gli Indipendenti per il cambiamento). I nazionalisti del Sinn Féin (sinistra europea) sono al 10%, mentre il partito laburista è in coda con il 4%. 

Come spiega Repubblica, la Brexit era stata al centro della campagna elettorale. Le possibilità di non raggiungere un accordo sull’uscita del Regno Unito dall’Ue hanno alimentato il timore di un ritorno a una frontiera chiusa con l’Irlanda del Nord. Tra i temi più discussi il cosiddetto backstop: il meccanismo che serve ad evitare la creazione di un confine rigido tra Dublino e Belfast.Sorprese limitate, comunque, per un Paese pure alle prese con contraddizioni sociali, sacche di povertà e nel quale non mancano polemiche sulle più recenti riforme ‘liberalizzatrici’ del governo Varadkar. Ma dove comunque oltre il 90% della popolazione, secondo alcuni sondaggi, considera l’appartenenza all’Ue una garanzia da non mettere in discussione.

Lo striscione delle suore pro-migranti fa arrabbiare i fan di Salvini