Interni

Elezioni, Salvini si allea con i filoputiniani

Dall’Agenda Draghi all’Agenda Putin. Salvini avrebbe stretto alleanze con i filoputiniani, almeno nella gestione dei social network. Questa è la tesi di Guido Petrangeli su Huffington Post Italia.

Matteo Salvini e Vladimir Putin

Come è stata stretta questa alleanza? Secondo il giornalista, tutto risiede nei contatti con la destra complottista per alimentate il contesto di The Plan, uno dei filoni della teoria QAnon, che vedrebbe i democratici americani intenti nell’ordire trame di potere tramite un sordido sistema di pedofilia e sfruttamento.

Il canale prediletto di questo sottobosco è Telegram, nel quale negli ultimi giorni spopolano gli elogi a Salvini, visto come l’alfiere cattolico contro l’immoralità diffusa. Tema preferito: le teorie sull’immigrazione forzata e la “sostituzione etnica” della cittadinanza italiana. Il giornalista di Huffington post ha rilevato frequenti copiaincolla dai canali ufficiali di Salvini.

Questi collage arrivano a dimostrare il sottinteso del disegno del centrosinistra di prendere il potere senza tenere in considerazione i parametri democratici.

Torna su