Lifestyle

Elon Musk, colonizzare Marte per salvare l’umanità dal prossimo conflitto mondiale

Elon Musk vuole salvare l’umanità, e vuole farlo costruendo delle basi per stabilirsi definitivamente sulla Luna e su Marte.

“Probabilmente ci sarà un’altra epoca buia, soprattutto se nel nostro futuro c’è un’altra Guerra Mondiale, dobbiamo assicurarci che ci sia un seme di civiltà umana per riportare la civiltà umana”,  ha detto al pubblico domenica scorsa al Festival South By Southwest.

Elon Musk è da molti considerato il profeta della tecnologia. Tutto ciò che dice preso attentamente in considerazione, un po’ perché si tratta di un uomo esperto e competente, un po’ perché è una persona intuitiva, che sa guardare lontano, e lo ha dimostrato con le sue invenzioni geniali e i suoi progetti lungimiranti.

Leggi anche: Tesla Semi, il camion elettrico di Elon Musk effettua il primo trasporto
elon-musk-vuole-mandare-un-auto-su-marte

L’Intelligenza Artificiale scatenerà la terza guerra mondiale

Insomma il patron di Tesla non ha fatto propriamente una predizione, ma ha ipotizzato un possibile scenario futuro dove se scoppierà la Terza Guerra Mondiale, l’uomo dovrà essere in grado di preservare la propria umanità genetica.

Non è la prima volta che Musk profetizza un terzo conflitto mondiale, ribadendo che sarà l’Intelligenza Artificiale a causarlo. Infatti la responsabilità di ciò non verrà data ai grandi della Terra, ai potenti o ai signori della guerra, bensì è più probabile che nazioni come la Cina, la Russia e tutte le nazioni che dominano nel campo dell’informatica daranno vita a sistemi di intelligenza artificiale scatenando una competizione per il predominio. Sarà questa gara a causare quindi, con tutta probabilità, la Terza Guerra Mondiale.

Leggi anche: Elon Musk profeta contro tutti: la Terza Guerra Mondiale sarà causata dai robot

Marte avrà bisogno di una vita vera

Le dichiarazioni di Musk non sono piaciute a tutti, sta di fatto che al patron della Tesla non mancano né idee, né intuizioni. Per questo l’ultima trovata era quella di mandare un’auto su Marte, infilata direttamente sul razzo Falcon di SpaceX, l’azienda di sua proprietà che azienda opera nel settore aerospaziale. Oltre a questo progetto, si aggiunge quello di costruire basi che preservino la vita dell’uomo semmai dovesse avverarsi lo scenario apocalittico della Terza Guerra Mondiale.

“Marte avrà bisogno di tutto, dalle fonderie di ferro, alla pizza ai locali notturni: dovrebbe davvero avere ottimi bar“, ha dichiarato Musk durante la conversazione con il moderatore Jonathan Nolan, co-creatore della serie “Westworld” della HBO.

Durante il confronto si è lasciato andare, parlando di successi e fallimenti, ma sopratutto del suo interesse per lo spazio e i progressi di Space X. Nel dibattito ha parlato anche dell’Intelligenza Artificiale dichiarando al pubblico presente che: ”L’I.A. mi spaventa a morte, sebbene non sia tipicamente un fan della regolamentazione, ritingo che l’I.A. sia più pericolosa delle armi nucleari e non è che lasciamo che chiunque costruisca armi nucleari”, ha affermato con preoccupazione. 

Ecco dunque il pensiero sulla salvezza dell’umanità, che potrebbe avvenire solo grazie ad uno spostamento su un altro pianeta, possibilmente a bordo di un Falcon X targato Tesla.

Elon Musk il nuovo modello di business