Interni

Berlusconi al Quirinale? Emilio Fede: “È la patria”

Sono passate appena poche ore da quando Emilio Fede è tornato a essere un uomo libero. Il processo sul caso Ruby che ha portato alla sua condanna sembra ormai un lontano ricordo. “Sono appena venuti i carabinieri, gentilissimi, a notificarmi l’atto. Non mi pare vero, ritorno alla vita”, racconta a Repubblica il 90enne ex direttore del Tg4. Ma l’attenzione di Fede adesso è tutta rivolta all’elezione del prossimo presidente della Repubblica. Lui non nasconde di sognare Silvio Berlusconi in quel ruolo.

Emilio Fede

“Berlusconi è più di un patriota: Berlusconi è patria. Spero di poterlo andare a trovare al Quirinale per portagli la voce di chi non ha lavoro e non ha da vivere”, dichiara con entusiasmo Emilio Fede. “Gli voglio bene. Non sono ruffiano, non ho mai fatto l’amico del presidente. Quando era a Palazzo Chigi ci sono stato solo una volta: voleva che vedessi come aveva messo i quadri e il mobilio”, spiega il giornalista.

“Sento tanto parlare di patria e di patrioti in questi giorni. Non sempre a proposito. – prosegue Fede – Berlusconi patriota lo è davvero, più di tutti. Io ho un alto concetto di patria. Sulla scrivania qui a casa ho la bandiera di Nassiriya, ‘onore alla patria’, consegnata a Emilio Fede. Ho seguito le guerre in Africa per quarant’anni, sono stato un grande cronista”. Secondo lui, quella per il Quirinale è una “partita complicata. Dipende da quel gruppo di politici che si sono ritrovati intorno al concetto di patria”.

Foto Mario Cartelli/LaPresse10-02-2019 Roma, Italia SpettacoloRegistrazione della trasmissione “Lucci incontra Funari”, in onda su Rai2 il 25 febbraio ore 21.20, condotta da Enrico Lucci alla Nuvola Congressi Center dell’Eur

Secondo Emilio Fede, inoltre, il processo Ruby non influirà sul destino di Berlusconi. “Non penso sarebbe così. Io sono stato coinvolto in quelle vicende, ho pagato un prezzo altissimo. Accusato e condannato per avere cercato di fare prostituire due ragazze. Io? Si rende conto? Una tragedia. Io non mi sono mai drogato, non ho mai avuto vizi a parte il gioco, che però ho eliminato”, si lamenta Fede. “Draghi non è un patriota?”, gli chiede il giornalista. “Non so, credo di sì. Però non come Berlusconi”, taglia corto lui.

Potrebbe interessarti anche: Emilio Fede arrestato per evasione: stava festeggiando i suoi 89 anni

Torna su