#energiaperlanazionale

#energiaperlanazionale: il bootcamp per i giovani videomaker di Gela di Eni e Figc

Relazioni tra calcio ed energia: questo l’argomento caldo del contest #energiaperlanazionale, patrocinato da Eni, sponsor principale della nazionale di calcio e Figc.

Le tematiche del bootcamp erano chiare: allenamento, efficienza energetica, squadra. Proprio questi argomenti sono stati l’oggetto dei lavori di 43 videomaker di Gela tra i 18 e i 25 anni, chiamati a produrre un corto di un minuto e mezzo che mettesse in scena le relazioni tra energia e calcio.

11 le squadre formate dai ragazzi gelesi che si sono presentati sul palco del teatro Eschilo, luogo dello svolgimento della manifestazione. Il premio, prestigiosissimo: assistere alla prossima amichevole della nazionale italiana in Inghilterra, il 27 marzo a Londra e non solo.

#energiaperlanazionale 2

I vincitori viaggeranno verso il Regno Unito a bordo dello stesso aereo che trasporterà la nostra nazionale. Un vero e proprio sogno per coloro che sono stati eletti da una giuria comprendente il presidente della raffineria di Gela Maurizio Mazzei, che ha parlato così: “Abbiamo visto nello spirito del calcio uno spirito che è molto simile a quello di un’azienda. Ci sono dei valori che sono condivisibili, come quello di raggiungere un obbiettivo attraverso il gioco di squadra. Un obbiettivo per Eni e la nazionale è il concetto di internazionalizzazione che in un mondo così globalizzato come quello di oggi, riteniamo che sia un valore importante da trasmettere alle nuove generazioni”.

A presidiare la giuria l’ex calciatrice Patrizia Panico, recordwoman di gol in serie A, prima allenatrice donna al timone di una nazionale di calcio, precisamente della formazione Italia Under 16.

Patrizia Panico che ha parlato della situazione del calcio femminile in Italia: “Anche il calcio femminile sta piano piano assumendo una dimensione e una credibilità che anche in Italia si va formando, è chiaro che siamo soltanto agli inizi, però la Figc sta investendo molto sul calcio femminile e il riscontro dei media è elevato”.

Fonte: www.adnkronos.it

CONDIVIDI