People

Esame al tempo del Covid: alunna non riesce a connettersi, ma il prof le porta il cellulare a casa

Una ragazzina di 13 anni ha rischiato di non dare l’esame di terza media per colpa di un problema di connessione internet, ma il suo professore è arrivato in tempo a salvarle l’esame. L’alunna, originaria dell’Equador, non riusciva ad aprire Zoom per sostenere l’esame di terza media, così il professore di eduzione fisica ha preso la macchina e da Garbatella ha guidato fino alle case popolari di Acilia per portare il suo cellulare alla ragazzina e permetterle di fare l’esame come tutti. Un gesto reso ancora più speciale dal fatto che per quel professore, Ferdinando Bonessio, si trattava dell’ultima alunna e dell’ultimo esame di tutta la sua carriera scolastica: finita quest’ultima sessione, infatti, è andato in pensione dopo ben 43 anni di insegnamento. La notizia a lieto fine è stata riportata dallo stesso professore, che ha raccontato su Facebook, il più bel gesto della sua carriera.

La ragazzina non riusciva a collegarsi tramite la piattaforma Zoom, e aveva chiesto ai docenti di poterne usare un’altra. Dopo diverse discussioni, i professori hanno consentito alla studentessa di accedere tramite Weschool, ma anche questo secondo tentativo però è fallito sempre a causa delle difficoltà di connessione. “A questo punto chiedo ai colleghi di mantenere aperta la sessione di esame e mi offro io di andare con la mia auto a casa della ragazzina – ha raccontato il professore – insieme alla collega Annamaria la quale si offre di accompagnarmi, ma che soprattutto condivide con me lo ‘spirito di essere insegnanti”.
Alle 18, Bonessio e la collega arrivano ad Acilia, a circa una ventina di chilometri di distanza. “Dal bar sotto casa della ragazzina, con il mio cellulare, le facciamo svolgere l’esame di terza media del più assurdo anno scolastico della mia carriera”, ha concluso il professore.“Era il mio ultimo esame, la mia ultima alunna della mia carriera scolastica. Ritengo di aver chiuso veramente in bellezza”.

Ti potrebbe interessare anche: Lettera di Liliana Segre ai maturandi: “I miei auguri da nonna. Lo studio mi ha salvata”