Finanze

Addio Svizzera, ecco dove si rifugiano ora i più grandi evasori del mondo

Se si dice finanza, si pensa alla Svizzera. E si pensa anche alla Svizzera quando si parla di paradisi fiscali, grandi capitali nascosti… Ma la musica adesso sta cambiando. L’evasore grande e medio ha trovato un’altra oasi, che offre zero tasse e tanta riservatezza: gli Emirati Arabi. Tutti sanno che è la nuova meta del denaro in fuga dal Fisco, anche gli investigatori delle Fiamme Gialle e della Agenzia delle Entrate. Eppure quando la scorsa primavera i Paesi dell’ Ue hanno deciso di punire gli emiri, inserendoli nella lista nera di chi accoglie capitali grigi, l’Italia ha fatto di tutto per cercare di impedirlo.

Siamo arrivati al punto di minacciare il veto, con il ministro Giovanni Tria trasformato in ambasciatore degli arabi “che hanno già preparato una legislazione e la devono solo approvare”. Oggi che la lotta all’evasione è diventata il mantra del governo Conte Bis, chissà se il premier ricorda le scelte di pochi mesi fa.

Perché se si vuole fare la caccia grossa alle tasse sparite, è proprio agli Emirati che bisogna guardare. Come spiegano oggi su Repubblica, quello è l’unico paradiso fiscale che resiste alle pressioni internazionali. “In questo momento storico godono di una sorta di protezione da parte degli Stati Uniti, l’unico Paese che finora è riuscito a costringere gli altri ad aderire a standard di trasparenza”, spiega il tributarista Sebastiano Stufano.

E proprio quando Berna ha di fatto ammainato il segreto bancario, i soldi da nascondere sono partiti da Zurigo e Ginevra verso Dubai ed Abu Dhabi. Spiega Stufano: “La voluntary disclosure del 2015 stabiliva che gli apporti di denaro nei cinque anni precedenti dovessero essere tassati ad aliquota ordinaria. Di fatto significava lasciare circa il 70 per cento del patrimonio e così in molti hanno dirottato i fondi dalla Svizzera agli Emirati”.

Parliamo di cifre enormi: “Per ricercare quelli oltre 100 miliardi scomparsi dagli istituti elvetici con la caduta del segreto bancario bisogna seguire le tracce dei fiduciari che si sono spostati in città come Dubai”, ragiona Paolo Bernasconi, ex procuratore pubblico in Ticino. Il meccanismo preferito è semplice: aprire una società limited a Londra, che poi fa da sponda formale per i trasferimenti negli Emirati. I clienti italiani più grossi sono quelli che si occupano di petrolio e gas, con strutture di trading che permettono di sfruttare al massimo i vantaggi erariali.

Insomma, un pozzo nero che inghiotte centinaia di milioni. D’ogni provenienza, inclusi i riciclatori di mafia e i baroni delle tangenti. L’attrattiva maggiore è la possibilità di aprire società totalmente anonime: anche se le autorità italiane scoprono conti e ditte, non otterranno mai i nomi dei titolari. C’è un vero boom.

fare-soldi-idee-folli

Un anno fa i Dubai Papers pubblicati in Francia dal Nouvel Obs hanno svelato una rete di duecento persone attive nel nascondere sotto le dune arabe i profitti di clienti d’ ogni genere, inclusi mercanti d’arte italiani. I più importanti casi di evasione smascherati in Gran Bretagna e Australia, ciascuno per importi superiori al mezzo miliardo, portavano proprio agli Emirati.

Per questo a pretendere che i principi del Golfo aprano gli scrigni è l’Europa intera. Qualcosa sta cambiando e i primi ricercati sono costretti a tornare indietro. Come Luigi Provini da Piacenza, accusato per un giro di frodi fiscali da 75 milioni sulle corse di F1 e rally. Anche sul fronte dei latitanti, però, molto resta insabbiato nel deserto emiratino.

 

Ti potrebbe interessare anche: Lotta all’evasione, il governo annuncia: bonus per chi fa scontrini e incentivi a chi usa le carte