Lifestyle

Facebook e fake news: il vero problema sono i meme

Mark Zuckerberg, CEO di Facebook, ha appena trascorso due giorni in sessioni di domande e risposte a Washington, affrontando dinanzi ai membri del congresso americano argomenti complessi come la privacy, la protezione dei dati e il rapporto tra social network e campagne elettorali. Zuckerberg ha promesso di proteggere l’integrità delle elezioni (non solo negli USA), utilizzando l’intelligenza artificiale per combattere le notizie false e assumendo 10.000 moderatori di contenuti in più per gestire le ondate di disinformazione. «La cosa più importante di cui mi preoccupo adesso è assicurarmi che nessuno interferisca nelle varie elezioni del 2018 in tutto il mondo», – ha detto il n° 1 di Facebook nella sessione di martedì al Senato americano. Durante quell’audizione e nella successiva di mercoledì davanti ai membri della Camera dei Rappresentanti, Zuckerberg ha risposto a un totale di circa 600 domande durante quasi 10 ore di testimonianza. Eppure non ha mai menzionato i meme. L’omissione è clamorosa perché i meme, che sono spesso associati a battute, sono anch’essi un importante motore di disinformazione su Facebook. Sono progettati per diventare virali, dando loro una possibilità molto migliore di raggiungere il tuo feed di notizie grazie alle condivisioni. I meme non sono mai venuti fuori, da entrambe le parti, durante le udienze al Congresso.

Perché i meme sono devastanti

«Se si guarda a quello che stava facendo la fabbrica di troll russa, molti dei sui contenuti non erano post sponsorizzati», ha detto Ben Nimmo, analista della difesa e della sicurezza internazionale presso il Digital Forensic Research Lab del Consiglio Atlantico. «Se Facebook si concentra solo su questo, allora manca una parte sostanziale dell’equazione». Facebook, Reddit e Twitter stanno ancora lottando per combattere i troll e le interferenze elettorali che sfruttano i social network. La Internet Research Agency con i messaggi dalla fabbrica di troll russi ha diffuso il caos politico suscitando emozioni intorno a questioni divisive. I social network hanno cercato di eliminare le campagne di influenza straniera, ma i troll si sono dimostrati resilienti e molti membri del Congresso USA hanno fatto riferimento alla minaccia che le notizie false pongono alle elezioni di medio termine di quest’anno. Come battute, i meme non sono pensati per essere creduti reali. Nessuno può credere ad un post con una pizza in acqua e la didascalia “Marina italiana” e in realtà lo prende alla lettera (speriamo). Eppure il mezzo si è evoluto in immagini photoshoppate che ingannano la gente. Un esempio è stato l’immagine di Barack Obama che ha consegnato la Presidential Medal of Freedom a vari deliquenti: è dovuto intervenire il sito antibufale Snopes per ridimensionarlo. «Non so come siamo arrivati ​​qui», ha detto Kyle Stratis, moderatore di Meme Economy e co-creatore di Danq Exchange. «Penso che le persone vedano il potere di condivisione di queste immagini, e si passa dalla satira a qualcosa che è molto più sinistro perché inganna più persone».

Facebook e i danni dei meme

Durante le precedenti udienze del Congresso con Facebook, lo scorso novembre, i rappresentanti della Camera hanno mostrato diversi messaggi dei troll russi apparsi sul social network, ma nessuno di loro era un articolo. Erano tutti dei meme. Il post più infame ha mostrato la testa di Hillary Clinton photoshoppata sul corpo di Satana mentre il diavolo si preparava a mescolarlo in un incontro di boxe con Gesù Cristo. Non sto scherzando, è comparso davvero su Facebook (guarda l’immagine qui sotto!).
facebook meme

Negli ultimi due anni, Facebook ha lanciato nuovi sistemi per combattere la diffusione di notizie false sulla sua piattaforma. Includono l’aggiunta delle notizie correlate sotto gli articoli pubblicati, i fact-checker e l’apprendimento automatico. Anche se queste correzioni si applicano alle notizie, non hanno mai affrontato la disinformazione proveniente dai meme. Non è stato così fino al 29 marzo scorso, quando Facebook ha annunciato che stava espandendo il suo programma di fact-checking per includere immagini e video, quindi meme inclusi. Quel programma, tuttavia, è ancora agli inizi, rispetto agli altri tentativi di controllo dei fatti da Facebook. Il social network ha condotto con esito positivo test durante le elezioni speciali in Alabama e bloccato diversi account che stavano inviando dalla Macedonia tramite Facebook spam con propaganda, ha detto Samidh Chakrabarti, product manager di Facebook. Ora il social network sta pubblicando un test di verifica delle foto e dei video, ma solo in Francia. Dice che si espanderà presto in altri paesi, ma la strada è lunga è difficile«Questo lancio iniziale con l’AFP (agenzia di stampa Agence France-Presse, ndr) in Francia è il nostro primo test di fact-ckecking in foto e video», ha detto la portavoce di Facebook Lauren Svensson in una e-mail. «Sappiamo che le foto e i video sono più sfumati e cercheremo di perfezionarli con l’AFP prima di implementare ulteriormente questa funzionalità.»
Leggi anche: Ecco quali dati usa Facebook per mostrarti la pubblicità