People

Fedez rilancia la guerra con la Rai: “Voglio essere ascoltato in Vigilanza”. La risposta

Se qualcuno stava pensando che la polemica tra Fedez e la Rai fosse finita si sbaglia di grosso. Lo scontro continua. Quanto accaduto sul palco del concerto del Primo Maggio non finirà in un nulla di fatto. E ora il cantante ha chiesto di essere ascoltato in commissione di Vigilanza Rai, dopo l’audizione del direttore di Rai3 Franco Di Mare. Fedez ha scritto al presidente Alberto Barachini per chiedere di poter esporre la propria versione dei fatti “essendo stato nominato costantemente”. La rottura tra il rapper e la televisione di Stato era iniziata poche ore prima del consueto concerto per la festa dei lavoratori. (Continua a leggere dopo la foto)

Come ricostruisce Tgcom24, attraverso il suo canale Instagram, Fedez aveva raccontato di aver subito un tentativo di censura da parte della Rai per il discorso che avrebbe tenuto sul palco, in cui criticava diversi esponenti della Lega per le loro posizioni sul ddl Zan, facendo nomi e cognomi e riportando testualmente le bestialità che avevano detto nel corso degli anni contro gli omosessuali. Immediata era arrivata la replica della Rai, che smentiva quanto raccontato dal cantante. Per dimostrare la veridicità di quanto detto, Fedez aveva quindi reso pubblica la telefonata tra lui, gli organizzatori dell’evento e i vertici di Rai3. (Continua a leggere dopo la foto)

Pochi giorni dopo il direttore del terzo canale, Franco Di Mare, era stato ascoltato alla Camera. “Si tratta di una polemica basata sulla manipolazione dei fatti, che avrebbe dovuto dimostrare nelle intenzioni dell’autore l’esistenza di una censura che non c’è mai stata”, aveva dichiarato. (Continua a leggere dopo la foto)

In merito alla richiesta di replica del cantante il presidente della commissione di Vigilanza Rai Alberto Barachini ha commentato: “A titolo personale posso dire che sottoporrò alla commissione la richiesta di Fedez di essere audito, essendo un caso senza precedenti. Chiedo a lui se ci sono elementi ulteriori o nuovi ancora sconosciuti che possano aiutarci a comprendere le ragioni della sua richiesta”. To be continued…

Ti potrebbe interessare anche: Il generale Figliuolo furioso con le Regioni: “Vaccinate gli over 60, basta propaganda”