Lavoro

Fedez ai colleghi: “Creiamo insieme un un fondo per i lavoratori dello spettacolo”

Fedez scende in campo al fianco dei lavoratori del mondo dello spettacolo che versano in grave difficoltà a causa delle restrizioni dovute all’emergenza sanitaria da Covid-19. L’11 ottobre si sono riuniti in piazza Duomo a Milano con la manifestazione di protesta “Bauli in Piazza”, per far valere le loro ragioni e mandare un segnale forte e significativo. Fedez ha raccolto il loro appello e su Instagram ha lanciato una proposta pragmatica diretta ai colleghi e alle agenzie live: “Io metto a disposizione il 100% del mio anticipo del tour; se tutti gli artisti mettessero una parte del loro per istituire un fondo porteremmo avanti un po’ meno parole e un po’ più di concretezza”.

Quello dello spettacolo, soprattutto dal vivo, è uno dei settori che ha sentito sulla pelle maggiormente la crisi come ripercussione dell’epidamia da Covid-19 con la quale il mondo intero sta facendo i conti da più di sei mesi. L’annullamento di concerti e manifestazioni ha lasciato senza lavoro migliaia di lavoratori. Si parla di tecnici, fonici, operai dei palchi, decine e decine di figure professionali che ruotano attorno ai concerti e agli spettacoli. Quella di Fedez al momento rappresenta una delle proposte più concrete per risollevare le sorti di un settore che rischia il collasso.

“Nel weekend scorso tutte le maestranze della musica e tutte le persone che lavorano dietro al palco si sono riunite per chiedere qualche certezza rispetto al settore che è già duramente colpito dalla situazione attuale e sicuramente sarà colpito ulteriormente nei prossimi mesi”, ha esordito Fedez. “Ho una visione abbastanza disincantata del mondo e credo che i politici non servano a un cazzo fondamentalmente. Quindi metto sul tavolo una soluzione che ho già proposto nei mesi scorsi, ma probabilmente non è stata ‘vista’. Utilizzo i miei spazi social per proporre una soluzione pragmatica che noi artisti possiamo attuare e le stesse agenzie di booking possono mettere in atto”.

“Gli artisti di un certo calibro che fanno i palazzetti – spiega Fedez – hanno nel loro contratto una cosa che viene chiamata ‘anticipo minimo garantito’, quindi tutti gli artisti che hanno rimandato i loro tour in qualche modo hanno percepito delle somme di denaro importanti. Io stesso che devo discutere il mio contratto di booking, metto a disposizione il 100% del mio anticipo dai tour per istituire un fondo per aiutare le maestranze della musica italiana. Mi sento di dire lo stesso alle agenzie di booking che non hanno rimborsato i biglietti dei concerti che sono stati rimandati e che un po’ di soldini ce li hanno in cassa…”.

Conclude Fedez: “Siccome l’evento fatto in Arena di Verona a settembre purtroppo non ha portato i risultati che ci si aspettava, potremmo unire le forze tutti assieme. Per quanto riguarda le agenzie di booking sarebbe bello se partecipassero anche loro e mi sto un po’ mordendo la lingua. Secondo me è una bella idea e se siamo in tanti viene una figata”, ha poi concluso, non perdendo l’occasione di lanciare una frecciatina alle agenzie…

Ti potrebbe interessare anche: Conte firma il nuovo Dpcm ottobre: cosa prevede e quali sono le restrizioni