Interni

Fedez “rimbalzato” da Obama: gli chiede un selfie ma l’ex presidente Usa rifiuta

Immaginate di entrare in palestra, cambiarvi e iniziare a fare un po’ di cyclette per sciogliere i muscoli. Le cuffie infilate alla orecchie con la musica alta, la testa persa in chissà quale pensiero. Poi vi girate, quasi per caso, e vi accorgete che la persona che si sta allenando accanto a voi è Barack Obama, l’ex presidente degli Stati Uniti, uno degli uomini più famosi e influenti al mondo. Una scena assurda? Neanche troppo, considerando che è quanto realmente accaduto a un incredulo Fedez.Il cantante si trovava infatti a San Francisco, in America, per degli impegni professionali e aveva deciso di ingannare il tempo bruciando un po’ di calorie. Senza sapere che si sarebbe trovato per caso faccia a faccia con il vecchio inquilino della Casa Bianca. Al quale, come ormai da prassi, ha subito chiesto di poter scattare insieme un selfie. Ottenendo, però, un clamoroso rifiuto da parte dell’altro.A raccontare il tutto attraverso i social è stato lo stesso Fedez: “La storia è questa – dice il rapper in alcuni video pubblicati tra le Instagram Stories – Stamattina mi sveglio alle 8 di mattina, vado in palestra, mi metto sul tapis roulant e inizio a correre, guardo di fianco a me e c’è Obama che fa la cyclette. E il mio istinto di italiano non mi ha tradito, perché la prima cosa che avrei voluto fare era quella di prendere il cellulare e urlare ‘foto foto foto’. Però ho aspettato, ho trattenuto la mia italianità, ho aspettato che si mettesse a fare la panca di fianco a me, dicendomi “hey man, good morning”… Io gli ho detto “sorry, can I take a picture with you?”. Lui mi guarda, con questo sorriso da presidente americano e mi dice: “No”.Fedez sembra però averla presa con filosofia. “Quando la tua giornata inizia facendo palestra con Obama, come puoi stupirti più di così?” ha proseguito il cantante, che ci ha tenuto ad aggiungere: “Ovviamente nell’era dei nativi digitali, se racconti che c’era Obama di fianco a te e non hai prove materiali, a tutti suona come una pu**anata, ma in cuor mio so che è vero (…) In Italia il massimo che può accadere è trovarti di fianco a Toninelli che fa spinning, o trovare Salvini che fa il vocalist a Jesolo, che non è neanche così tanto improbabile”.

Fedez canta per il governo: i gialloverdi incassano la fiducia del rapper, più convinto che mai