Interni

Feltri non si scusa e attacca di nuovo: “Al Sud le persone non leggono molto”

Poteva essere l’occasione buona per chiudere la feroce polemica andata in scena nelle ultime ore, dopo le dichiarazioni di Vittorio Feltri contro i meridionali che avevano giustamente fatto infuriare gli spettatori a casa. Invece l’ospitata del giornalista a Non è l’Arena è diventa focolaio di nuove tensioni, senza scuse ufficiali. Anzi: “La gente non riflette. Voglio dire che mi riferisco al portafogli e non al cervello. So benissimo che non si possono valutare le persone dal punto di vista morale e culturale” ha spiegato il direttore di Libero.

“È un tasto molto sensibile – ha continuato – quindi quando ho detto ‘inferiori’ qualcuno ha pensato che io abbia fatto test di intelligenza ai meridionali, cosa ridicola. Mi riferivo esclusivamente alla portata economica del sud che è inferiore a quella del nord”. In merito alla frase sui parcheggiatori abusivi, ha aggiunto: “Per quale motivo dovrei andare in Campania? Il mio lavoro è qua non posso andare a Napoli per non trovare lavoro e fare il posteggiatore abusivo. Non ci sono i posteggiatori abusivi a Napoli? Me li invento io? Anche quella è un’offesa?”. 
“La mia è stata una risposta – ha detto ancora Feltri ospite di Giletti – alle polemiche fatte al sud dicendo che quelli del nord non possono andare al sud perché sono degli untori. Siccome le strutture sanitarie al sud sono inferiori, se per caso il coronavirus dovesse contagiare anche molte regioni del sud sarebbe un disastro. Il virus troverebbe vita più facile per fare stragi”. Sul possibile boicottaggio del suo giornale, Libero, al Sud Italia, ecco poi la stoccata: “Non credo che sia un provvedimento legalmente concepibile. In parecchie zone del sud i giornali del nord vendono pochissimo, ma vendono pochissimo anche quelli del sud, sappiamo che la lettura non è la principale attività nel meridione”.A chi gli ha fatto notare come quest’ultima affermazione fosse una nuova offesa ai meridionali, Feltri ha replicato: “Non ho detto nulla di offensivo – ha proseguito – perché basta dare un’occhiata all’Istat. Non credo di dovermi scusare, fotografare la realtà non è un reato e neanche una scorrettezza”.
Dal 4 maggio la Fase 2: sì a incontri con parenti e funerali, riparte l’export