Interni

Ferrara, la frase choc del Comune: “Se sei ubriaca sei responsabile dello stupro”

Una frase choc, quella utilizzata dal Comune di Ferrara per una compagna che vorrebbe teoricamente sensibilizzare contro la violenza sulle donne. E che però ha avuto l’effetto di scatenare la rabbia di chi si è trovato a leggere: “Se sei ubriaca sei in parte responsabile dello stupro”. Il tutto accompagnato da un’immagine e pubblicato in rete direttamente dall’amministrazione della città, subito travolta da reazioni di protesta.

“Da donna mi sento enormemente offesa e disgustata da questo post”, “vomitevole”, “Complimentoni alla vostra agenzia marketing! Che geniacci, pubblicare una frase simile senza aggiungere nemmeno due righe in più a chiarimento del contenuto”. E ancora: “Mi disgusta questo messaggio, una svista enorme”. Ma, si chiede qualcuno, “ci sarà un responsabile per l’uscita di quel post? O vogliamo sempre e comunque lasciar passare tutto come se nulla fosse successo?”.
Le scuse per una gaffe imbarazzante, che offende le donne, sono arrivate subito ma non sono state sufficienti a smorzare la polemica. “Il Comune di Ferrara condanna ogni forma di violenza contro le donne” si legge nel post riparatore dove viene spiegato che il virgolettato si riferisce a una frase che, secondo l’Istat – come specificato nel testo accompagnato all’immagine – purtroppo pensa il 15% degli italiani”. La nuova immagine riposta la spiegazione di una campagna tra l’altro sponsorizzata dalla Regione e dove compare il logo dell’Unione europea.
“A fronte di questo contenuto tanti di voi hanno provato la reazione più giusta e sana: rabbia – spiega il Comune – Per questo lo vogliamo chiarire una volta in più per non lasciare spazio a dubbi: il Comune di Ferrara condanna ogni forma di violenza contro le donne. Quella che avete letto in precedenza è una frase che, in nessun modo, può rispecchiare il pensiero del Comune di Ferrara e di tutti i partner che si sono affiancati al progetto di promozione dell’Agenda 2030 dell’Onu”. Insomma una gaffe che ha coinvolto anche altre istituzioni.

Parisi-Cuccarini, scintille social: “Non accetti i matrimoni gay? Sei omofoba e ipocrita”