People

Sente la voce di sua figlia che vuole essere allattata e si sveglia dallo stato vegetativo: quando l’amore di una mamma supera tutto

I dottori non le avevano dato speranze e avevano persino suggerito alla famiglia di autorizzare la donazione degli organi. E invece l’amore sconfinato per una mamma verso suo figlio può davvero tutto, anche ribaltare una condizione clinica grave come lo stato vegetativo. È accaduto a Maria Laura Ferreyra, che dopo aver subito una rapina a San Francisco versava in condizioni delicate, ma sentendo la richiesta di sua figlia di allattarla è riuscita a risvegliarsi dallo stato vegetativo. Durante la quarta settimana di ricovero, il marito della donna ha deciso di portare la figlia più piccola, due anni, in ospedale per farle visita. E qui è scattata la magia…

La piccola si è seduta sul letto della mamma, l’ha guardata e le ha chiesto di essere allattata. La donna si è sollevata la vestaglia e ha messo la bambina sul suo petto per accontentarla. Dallo scorso 25 ottobre Maria Laura Ferreyra, 42 anni, era in condizioni delicate dopo aver subito una rapina a San Francisco, in Argentina, nella provincia di Cordoba. A causa della lotta con il rapinatore, la donna è caduta dalla motocicletta su cui viaggiava e ha urtato con la testa per terra.

La caduta le ha causato una grave emorragia cerebrale, secondo quanto riferito dal marito Martín Delgado ai media locali. Ferreyra è stata operata con urgenza, ma il suo corpo non ha assimilato le medicine ed è caduto in uno stato vegetativo. I dottori non hanno dato speranze e hanno persino suggerito alla famiglia di autorizzare la donazione degli organi.

Tuttavia, alcuni test hanno rivelato che la donna, madre di tre figli, aveva ancora un’attività neurologica e poco dopo ha iniziato a muovere le mani e ad aprire gli occhi. Ora la donna sta gradualmente recuperando le sue condizioni di salute e presto tornerà a casa dai suoi cari. La storia ha subito fatto il giro del mondo.

 

Ti potrebbe interessare anche: Bologna: bimbo nasce con un tumore, l’incredibile intervento dei medici