People

Parma, per manifestare serve dichiarare antifascisti: Forza Nuova denuncia Pizzarotti

Incredibile ma vero. Gli estremisti di destra stupiscono ancora, stavolta con un vero è proprio colpo di teatro. Forza Nuova ha infatti denunciato il sindaco di Parma Federico Pizzarotti. Il motivo? È lui stesso a spiegarlo: “Forza Nuova mi ha appena denunciato perché a Parma, per utilizzare sale pubbliche, bisogna dichiararsi per la Costituzione italiana e dirsi antifascisti. Loro si rifiutano, evidentemente perché sono orgogliosi di essere fascisti», ha detto il sindaco.

Il 4 dicembre 2019 da un articolo di Parmapress24.it si apprende che Forza Nuova ha denunciato il sindaco di Parma Federico Pizzarotti e il consiglio comunale. Il motivo? Perché avrebbero negato il diritto di manifestare al partito di Roberto Fiore. È Fiore stesso ad aprire la guerra e a dichiarare: “Saremo di fronte al tribunale di Parma, per denunciare il sindaco Pizzarotti e il consiglio comunale responsabili di aver bloccato con il pretesto della ‘mozione antifascista’, il nostro pieno diritto di manifestare nelle piazze della nostra città, negando al movimento politico Forza Nuova la concessione del suolo pubblico, per la diffusione di idee politiche”.

Il sindaco di Parma, di fronte alla notizia di denuncia, risponde con un post Facebook spiegando le motivazioni. “Loro evidentemente sono orgogliosi di essere fascisti. Ma non a Parma, Medaglia d’oro alla Resistenza, finché sarò il sindaco. Per me la denuncia di Forza Nuova è una medaglia al valore. Non un passo indietro”.

Tale decisione era stata approvata a Parma nel novembre 2018 e sul sito del Comune è tutto riportato all’interno del Regolamento Cittadinanza Attiva dove è presente la sottoscrizione di collaborazione tra comune e cittadini. Questo fatto ha ovviamente riacceso il dibattito e anche sui social si è parlato molto della denuncia. La maggioranza delle persone, però, si è schierata con Pizzarotti.

 

Ti potrebbe interessare anche: Caso Segre, Forza Nuova appende uno striscione a Milano contro la senatrice