Interni

Foto della Meloni su Repubblica, Oliviero Toscani: “La vera Giorgia”

La fotografia di Giorgia Meloni pubblicata da Repubblica è sessista e poco rispettosa del genere femminile? Secondo Fratelli d’Italia non ci sono dubbi che l’immagine della loro leader, immortalata a bocca spalancata davanti ad un microfono, sia decisamente offensiva e allusiva. Non la pensano così né la parlamentare del Pd, Laura Boldrini, né il fotografo Oliviero Toscani che ci va giù duro contro il possibile nuovo presidente del Consiglio.

La foto di Giorgia Meloni su Repubblica

La prima a non vederci nulla di sessista nella fotografia della Meloni pubblicata da Repubblica è stata Laura Boldrini, subito accusata di utilizzare due pesi e due misure quando si parla di diritti delle donne: difende quelle di sinistra e attacca quelle di destra. Anche Oliviero Toscani è convinto che il quotidiano non potesse scegliere un’immagine diversa perché “quella è la vera Giorgia Meloni. La fotografia è il documento delle cose. E questo scatto è esattamente espressione di quello che è la leader di Fratelli d’Italia. Un applauso a chi ha scelto questa foto pubblicata in prima pagina su Repubblica: è molto espressiva, una foto giusta. E ritengo che non sia affatto una immagine sessista, non si offenda quindi la Meloni”.

La replica a queste accuse spetta alla meloniana Isabella Rauti. “Delle migliaia di foto che potevano utilizzare su Giorgia Meloni, ne hanno scelta una che intanto è volgare e ha un evidente messaggio allusivo e doppio senso a sfondo sessista”, accusa la senatrice di FdI secondo la quale il quotidiano “sta portando avanti una campagna tutta tesa a denigrare la figura di Giorgia Meloni e di Fratelli d’Italia”.

“Va contestualizzata la foto, la scelta della foto, l’evidenza data a questa foto nell’ambito di una campagna sistematica di denigrazione della figura del presidente e del partito- prosegue la Rauti – Quando le vittime sono donne di sinistra si leva una generale ondata di solidarietà. Al contrario se di destra si solleva soltanto la solidarietà delle donne di destra. Siamo in un contesto in cui addirittura si studiano i linguaggi istituzionali, tutto viene declinato. Se poi Repubblica si permette di usare una foto che quantomeno allude, e siamo solo all’inizio campagna elettorale, non va bene”, conclude.

Potrebbe interessarti anche: Il centrodestra trova l’accordo: ipotesi Meloni premier

Torna su