People

Il grande cuore di due fratelli che donano risparmi del salvadanaio a persone bisognose: “Vogliamo aiutare chi sta soffrendo per l’emergenza coronavirus”

In tempi di emergenza Covid-19, la solidarietà passa anche attraverso i più piccoli: Giuseppe e Cristian, due fratelli di 16 e 12 anni, hanno deciso di “sacrificare” i risparmi del loro salvadanaio in questo momento difficile per l’Italia intera. La somma che i due giovani avevano pian piano accantonato, è stata donata all’avv. Krizia Colaianni dell’Associazione “La Forza delle Donne” che ha come scopo quello di aiutare le donne vittime di violenza fisica e psicologica. L’Associazione, soprattutto in questo periodo, è molto attiva sia con campagne che sensibilizzano la violenza verso le donne durante la quarantena che con la realizzazione di mascherine che sono anche state donate alle forze dell’ordine.

I due ragazzi vivono nella città di Bari. Questa è la lettera dei due fratelli: “In questo periodo di così tante difficoltà, data l’emergenza Coronavirus, io e mio fratello ci mettevamo nei panni di chi sta soffrendo e di chi non stia vivendo al meglio questa situazione sia dal punto di vista economico che di salute. Così abbiamo pensato a cosa potessimo fare per aiutare qualcuno in difficoltà, certo non possiamo regalare libertà o un vaccino che possa sconfiggere questo tremendo avversario, ma l’idea che potremmo rendere felici o potremmo aiutare altre persone ci riempie di gioia e d’orgoglio”.
“Proprio per questo abbiamo deciso di rompere il nostro salvadanaio che tanto avevamo custodito con cura, per una valida causa. Noi siamo fiduciosi che ben presto tutto finirà e che vinceremo questa battaglia tutti insieme, Restiamo uniti ma a un metro di distanza”.
L’Avv. Colaianni ha deciso di donare questa somma al Comune di Bari, “nel rispetto dell’azione che il Comune stesso sta operando verso le persone bisognose”. Commosso per il dolce gesto, il sindaco Vincenzo Brandi ha ringraziato i due ragazzi, esprimendo la sua gratitudine attraverso un messaggio Whatsapp.

Ti potrebbe interessare anche: Incubo fame a Palermo: già 11 mila richieste per l’assistenza alimentare