Esteri

Funerale Elisabetta: re Carlo in lacrime davanti al feretro della madre

Alla fine re Carlo III non ce l’ha fatta. Il nuovo re è infatti scoppiato in lacrime di fronte al feretro della madre, la regina Elisabetta II, durante le celebrazioni del funerale della sovrana. Il corteo funebre che ha accompagnato Elisabetta durante il suo ultimo viaggio è partito dalla camera ardente della Westminster Hall per arrivare all’abbazia di Westminster dove si tiene la cerimonia solenne alla presenza di centinaia di leader e capi di Stato di tutto il mondo.

Re Carlo in lacrime al funerale di Elisabetta (Foto Getty)

Anche Re Carlo III, insieme ai tre fratelli Anna, Edoardo e Andrea, e ai due figli avuti con Diana, William e Harry, ha seguito a piedi il corteo funebre. Ed è in questo momento che hanno cominciato ad apparire ben visibili sul suo volto le lacrime. A pesare sul suo crollo psicofisico, tra l’altro molto umano, non è solo il dolore per la dipartita della cara mamma, ma anche il peso della sua successione sul trono d’Inghilterra, con tutte le responsabilità che adesso ne deriveranno.

Se si pensa poi che Carlo non è più giovanissimo, ha 74 anni, risulta ancora più comprensibile la sua reazione. A farlo reggere, almeno finora, erano stati probabilmente i moltissimi impegni che hanno immediatamente seguito la morte di Elisabetta, con il nuovo re costretto a percorrere migliaia di chilometri in pochi giorni tra Scozia, Galles, Irlanda del nord e Inghilterra. Poi, nel giorno del funerale, tutti i suoi pensieri più tristi sono rivenuti a galla.

“Mentre sono qui davanti a voi, non posso fare a meno di sentire il peso della storia che ci circonda. – aveva detto Carlo III durante il suo primo discorso alle Camere riunite qualche giorno fa – Il Parlamento è lo strumento vivo della democrazia e ha una profonda connessione con la mia defunta madre. La vostra storia è anche la nostra. Le vostre tradizioni sono antiche e profondamente connesse all’operato di mia madre”.

Potrebbe interessarti anche: Carlo III infuriato per la penna che perde inchiostro: “Non sopporto queste cose maledette”

Torna su