Sport

Si prendono i soldi: furia Malagò, la denuncia del Coni contro il governo e la sua idea di sport

Era scritto nero su bianco sul contratto firmato da Lega e Cinque Stelle: “È necessaria una revisione delle competenze del Comitato Olimpico, il governo deve assumere il controllo delle modalità di assegnazione e spesa delle risorse”. Ma quello che si sta consumando in queste ore tra il governo e i vertici dello sport italiano è uno scontro senza esclusione di colpi, fatto di accuse e repliche velenose. A poco è servito, in questo senso, l’incontro tra il presidente del Coni Giovanni Malagò e  il sottosegretario con delega allo Sport Giancarlo Giorgetti.

L’idea del governo è la seguente: togliere fondi al Coni per affidare i soldi dello sport italiano a una nuova società controllata dall’esecutivo stesso, che ne nominerà anche i vertici, chiamata “Sport e salute spa”. Una vera e propria rivoluzione presente nella bozza della Legge di Bilancio che è stata curata personalmente da Giorgetti: dovesse completare il suo iter, sarà il governo a distribuire alle varie federazioni il 90% del budget, pari a circa 370 milioni, mentre al Coni resterebbero 40 milioni per curare la preparazione delle Olimpiadi e per il funzionamento interno.

Un calcio allo sport: il servizio di Report che fa tremare la Juve, cosa vedranno (di brutto) i tifosi