Interni

Fusaro, altra provocazione: “Cambiare i pannolini ai figli? Svilisce la virilità maschile”

Diego Fusaro sfida ancora una volta i costumi della società contemporanea, o meglio di quello che lui definisce come “turbocapitalismo”. Il filosofo marxista-sovranista questa volta si è scagliato contro la campagna social #iocambio, che promuove l’inserimento di fasciatoi anche nei bagni pubblici per uomini e diffonde immagini che ritraggono uomini intenti a cambiare i pannolini dei loro figli, mirando così a distruggere un luogo comune che vede sempre e solo le donne impegnate in questo tipo di operazioni.

Scrive fusaro su Twitter commentando l’immagine di un giovane padre che aderisce alla campagna #iocambio: “Prosegue la campagna di svirilizzazione dell’uomo da parte del turbocapitalismo, che ci vuole tutti femminilizzati. E voi siete così pazzi da pensare che il problema sia la cultura islamica? Il problema è il suicidio ridicolo dell’occidente”.
A Fusaro ha replicato Peter Gomez, direttore de il Fatto Quotidiano online, che lo ha invitato a riflettere sull’utilità e opportunità di quel servizio una volta che avrà dei figli: “Scusa Diego cosa c’è di poco virile nel cambiare un pannolino? Trovo invece che se uno porta in giro il suo bimbo o la sua bimba è utile il fasciatoio nel bagno degli uomini. Cerchiamo per favore di ragionare”.La campagna #iocambio è stata lanciata dall’associazione culturale Onalim – Milano al contrario “per sensibilizzare sulla mancanza dei fasciatoi nei bagni degli uomini o nelle aree comuni dei bagni degli esercizi pubblici, per consentire a tutti i papà e alle famiglie arcobaleno di cambiare i loro bambini” e invita i papà a pubblicare scatti che li mostrano impegnati nel cambiare i pannolini ai loro bambini usando l’apposito hashtag #iocambio.

Fusaro all’attacco: “Accordo con Cina? Bene, fermiamo così la colonizzazione degli Usa”