Interni

Galli: “Il vaccino? Medici e infermieri devono farlo, chi si rifiuta cambi mestiere”

I medici e gli infermieri dovrebbero dare il buon esempio e non rifiutare il vaccino contro il coronavirus. Una posizione del professor Massimo Galli, direttore del reparto malattie infettive dell’ospedale Sacco di Milano. “Chi fa una professione di ordine sanitario e ha incarichi di pubblico servizio non può permettersi di essere riluttante. Chi si rifiuta di fare una cosa di questo genere, deve fare un passo indietro e cambiare mestiere” ha detto intervenendo a L’aria di Domenica.


“Bisogna organizzarsi e creare il massimo del consenso, della comprensione e dell’adesione. Non mi illudo che il consenso sia totale, credo che dibattere troppo su questo offra spazio a posizioni dei no-vax, degli esitanti, di chi ha in mente cospirazioni di vario tipo” ha aggiunto Galli.
“Se potessimo evitare di dare spazio, sarebbe una grandissima cosa. Mi sento molto tollerante nei confronti della gente comune, con cui è giusto interagire per spiegare. Sono meno tollerante nei confronti di certe poszioni in certe professioni” ha spiegato Galli, ribadendo l’importanza di dare l’esempio ai cittadini.Galli in queste ore aveva anche spiegato: “Non credo che la nuova variante del Covid sia in grado di rendere i vaccini inutili, non mi fascerei la testa”.

La svolta di Zingaretti: “Se Renzi fa cadere Conte, Pd e M5S andranno al voto insieme”