Esteri

Gemelline di 26 giorni sbranate dal cane di famiglia: “Era geloso”

Sono bastati pochi attimi di distrazione della mamma, la quale era andata ad aprire la porta ad un vicino di casa che aveva bussato, per scatenare una tragedia familiare. In questo frangente, il cane di famiglia si sarebbe letteralmente gettato sulle due gemelline di solo 26 giorni di vita, sbranandole all’istante. La terribile vicenda che spacca il cuore quella che arriva da Piripá, nello stato nord orientale di Bahia, in Brasile. A nulla è valso il disperato intervento della madre che si si è precipitata in aiuto delle sue bimbe dopo aver sentito le loro grida dalla sua camera da letto. Ed inutile si è rivelata la successiva corsa verso il locale ospedale municipale dove i medici purtroppo hanno solo potuto accertare la morte delle piccole Anne e Analú. Troppo gravi le ferite inferte dai morsi del cane, un meticcio che da tempo faceva parte della famiglia. Il vicino, un assistente infermieristico, ha eseguito il primo soccorso, ma i medici hanno confermato che una delle gemelle era morta all’istante per le sue ferite mentre l’altra era gravemente ferita ed è morta per arresto cardiaco durante il trasporto in ospedale.

Secondo alcuni parenti della famiglia, nessun dei due cani di casa aveva mai mostrato segni di aggressività e nulla lasciava trasparire quello che è accaduto ma da quando le piccole erano entrare in casa pare che uno di loro avesse dato qualche segnale di gelosia perché sentiva meno l’attenzione dei suoi proprietari, genitori delle gemelline. Elaine Novais, 29 anni, e il marito Regis, 32 anni ora hanno il cuore spezzato: da tempo tentavano di avere figli e avevano adottato due cani che erano diventati parte integrante del nucleo familiare da ormai cinque anni.
Elaine ha dovuto essere sedata dopo essere collassata per lo shock all’ospedale municipale Maria Pedreira Barbosa. La vicina, Maria de Jesus, parlando a FocusOn News, ha dichiarato: “Prego che non cadano in depressione ma sarà difficile perché i bambini erano belli, amati davvero e desiderati disperatamente.” La polizia civile di Bahia ha aperto un’inchiesta e al momento non è stato ancora deciso quale sarà la sorte del cane protagonista dell’aggressione mortale.

Ti potrebbe interessare anche: Jesolo, l’odio social contro il tunisino pestato in strada: “Hanno fatto bene”