People

Germania, carnevale di sangue: auto piomba sulla folla. Oltre 30 i feriti gravi, anche bambini

Germania, oltre 30 persone, tra queste anche bambini piccoli, sono rimaste ferite da un’auto che ha fatto irruzione a tutta velocità nel corteo della parata di Carnevale che si stava svolgendo nella città di Volkmarsen. Dieci, secondo la Bild, sarebbero in gravi condizioni. Sul posto ci sono agenti e soccorritori. Il conducente è già stato arrestato dalla polizia, come riferisce Repubblica. Le autorità finora non hanno fornito ulteriori precisazioni sul numero dei feriti e sulla dinamica dell’incidente. Dopo la strage di Hanau, che si trova sempre in Assia, il ministero dell’Interno aveva aumentato i dispositivi di sicurezza in tutto il Paese.

La polizia ritiene che l’autista abbia agito “intenzionalmente” travolgendo un gruppo di persone. Secondo la Bild, che cita fonti della stessa polizia, si tratta quindi di un attentato. Secondo quanto riferisce il giornale locale “Waldekische Landeszeitung”, il veicolo – una Mercedes Kombi – aveva abbattuto un transennamento e sarebbe finito in mezzo alla folla accorsa per assistere al corteo di carnevale nei pressi di un supermercato. Sul posto sono accorse numerose ambulanze, i vigili del fuoco, la polizia. La Germania è sotto choc.

A quanto riferisce l’emittente Hessischer Rundfunk, alcuni testimoni affermano che l’automobile piombata a Volkmarsen sulla folla di un corteo di carnevale avrebbe dato gas partendo da circa 30 metri di distanza. Tutte le parate di carnevale organizzate nell’Assia vengono cancellate. Lo ha comunicato la polizia del Land tedesco parlando di una “misura precauzionale”.

A quanto riferisce l’emittente Hessischer Rundfunk, alcuni testimoni affermano che l’automobile piombata a Volkmarsen sulla folla di un corteo di carnevale avrebbe dato gas partendo da circa 30 metri di distanza. Tutte le parate di carnevale organizzate nell’Assia vengono cancellate. Lo ha comunicato la polizia del Land tedesco parlando di una “misura precauzionale”.

 

Ti potrebbe interessare anche: Coronavirus, l’appello dei pediatri: “Non portate i bambini nei centri commerciali”