Interni

Meloni dà del Tu al deputato Pd Soumahoro che reagisce: “I neri non avevano diritto al Lei”

Piccato botta e risposta alla Camera tra Giorgia Meloni e Aboubakar Soumahoro. Il presidente del Consiglio dà inavvertitamente del ‘Tu’ al deputato di Sinistra Italiana. Prima nega di essersi sbagliata, ma poi ammette l’errore scusandosi. Troppo tardi perché Soumahoro coglie l’occasione per lanciare un duro attacco contro di lei.

Giorgia Meloni e Aboubakar Soumahoro

“Al collega Soumahoro voglio dire che tutti ci sentiamo allievi della storia, sai? Altrimenti saremmo ignoranti del presente”, così Giorgia Meloni si rivolge a Aboubakar Soumahoro. Dai banchi dell’opposizione si alzano rumorose proteste. E così il premier prova a difendersi. “Non ho dato del tu a nessuno. – Nega prima di correggersi – Ah, era il sai. Avete ragione, errore mio, calmi. Succede nella vita di sbagliare, l’importante è riconoscerlo e chiedere scusa”.

“Visto che la presidente Meloni è anche lei ‘scolara della Storia’ parafrasando Gramsci, si ricorderà che durante lo schiavismo e la colonizzazione i ‘neri’ non avevano diritto al ‘Lei’, che era riservato a ciò che veniva definito ‘civiltà superiore’. Ma forse quando un underdog incontra un under-underdog viene naturale dare del tu”, questa la reazione stizzita del deputato di Sinistra Italiana.

“In ogni caso, visto che mi ha dato del tu, anche contravvenendo alle regole istituzionali, spero che questo possa essere prodromica ad un confronto personale sui temi che ci stanno reciprocamente a cuore. – prosegue poi Soumahoro – Io le ho dato del lei. Doveva fare così anche lei con me”.  Il deputato di SI, durante il suo intervento, invita anche la maggioranza a ricordarsi di aver “giurato fedeltà sulla nostra amata Costituzione. Ma ricordatevi che è fondata sui valori dell’uguaglianza e della giustizia sociale. Ricordatevi che ogni articolo della Costituzione ha dietro centinaia di giovani morti per la Resistenza”, conclude.

Potrebbe interessarti anche: Giorgia Meloni alla Camera, la reazione di Laura Boldrini: “Era livida”

Torna su