Esteri

Giorgia Meloni al G20 pronta a fare pace con Macron

Giorgia Meloni si trova a Bali, in Indonesia, per la riunione del G20. L’agenda del presidente del Consiglio italiano è molto fitta, così come quella di tutti i suoi colleghi capi di Stato e di governo. Nella giornata di oggi la Meloni incontrerà per un faccia a faccia il presidente americano Joe Biden, mentre domani sarà il turno di quello cinese Xi Jinping. Ma gli occhi sono puntati anche su quello che succederà con la delegazione francese guidata da Emmanuel Macron dopo le tensioni degli scorsi giorni sull’accoglienza dei migranti.

Giorgia Meloni al G20

Secondo quanto riporta un retroscena del Corriere della Sera, pare che il clima sia cambiato radicalmente tra Italia e Francia dopo la telefonata tra il presidente della Repubblica italiana Sergio Mattarella e il suo omologo francese Emmanuel Macron. L’intenzione dell’inquilino del Quirinale è quella di riportare calma e buoni rapporti tra le due diplomazie dopo l’incidente diplomatico provocato dalla contesa sulla nave Ong Ocean Viking.

Sembra dunque che l’intenzione di Italia e Francia sia quella di voltare pagina. Per questo motivo sia Macron che la Meloni avrebbero consigliato ai loro collaboratori di tenere un profilo basso sulla vicenda e migranti e di non rilasciare dichiarazioni in proposito. Secondo il Corriere, dunque, Giorgia Meloni potrebbe decidere di mettere un freno alle spinte dell’alleato Matteo Salvini in direzione di una stretta contro l’immigrazione clandestina.

In ogni caso, Giorgia Meloni deve comunque tenere il punto contro Macron, considerata anche la reazione della Francia al caso Ocean Viking, considerata esagerata e ingiustificata dal governo italiano. Oggi dunque l’incontro con Biden, a cui seguiranno quelli con il presidente turco Erdogan e con l’indonesiano Joko Widodo. Domani invece sarà il turno del cinese Xi Jinping, del primo ministro canadese Justin Trudeau e di quello indiano Narendra Modi.

Potrebbe interessarti anche: Giorgia Meloni al G20: “Acque tempestose, impatto della guerra devastante”

Torna su