Cultura

Gli Usa criticano il coprifuoco italiano? No, è una bufala di Salvini

Una polemica rilanciata nelle ultime ore dalla Lega, con Matteo Salvini che aveva denunciato come, per colpa del coprifuoco fermo alle 22 per volontà del governo Draghi, l’ambasciata americana avesse sconsigliato ai propri cittadini di venire in Italia. E che però si è rivelata falsa, nonostante il leader della Lega ci avesse messo la faccia in prima persona: “Non sono per l’ipocrisia alla Orlando, Franceschini, Speranza, le cose tra alleati si dicono, se riteniamo come tutte le regioni, i sindaci, che rinnovare fino a luglio il coprifuoco è devastante, l’ambasciata americana dice di non venire in Italia perché c’è il coprifuoco, il rischio terrorismo”.

Gli Usa criticano il coprifuoco italiano? No, è una bufala di Salvini

Parole, quelle pronunciate ai microfoni di SkyTg24 da Salvini, che avevano acceso dure accuse sui social. E che però erano in realtà inesatte. L’ambasciata americana si limitava infatti a indicare di “non viaggiare in Italia a causa del Covid 19 ed esercitare una cautela accresciuta a causa del terrorismo”. Questo quanto si legge “travel advisory” datato 21 aprile e pubblicato sul sito dell’ambasciata americana a Roma, che pone a 4 il livello di allerta per il nostro Paese.

Approfondendo ancora la nota, si legge che “i Centri di controllo e prevenzione delle malattie (Cdc) hanno emesso un nota sanitaria di livello 4 per l’Italia a causa del Covid 19, indicando un livello molto alto di coronavirus nel Paese” e si ricorda che “sono in vigore restrizioni che riguardano l’ingresso dei cittadini americani in Italia”. Per quanto riguarda il terrorismo, l’ambasciata ha ricordato che “in Italia esiste un rischio di lunga data rappresentato dai gruppi terroristici, che continuano a pianificare possibili attacchi. I terroristi potrebbero attaccare con poco o nessun preavviso, colpendo le località turistiche, gli hub dei trasporti, i mercati e i centri commerciali, le sedi dei governi locali, hotel, club, ristoranti, luoghi di preghiera, parchi, eventi culturali e sportivi, istituzioni educative, aeroporti e altre aree pubbliche”.

Di coprifuoco, invece, non si parla minimamente. Perché allora Salvini ha sfruttato l’advisory per far credere che a penalizzare il turismo verso il nostro Paese fossero le limitazioni volute dal governo Draghi? Domanda alla quale non esiste una risposta ufficiale, anche se le possibili chiavi di lettura sono abbastanza semplici. Nella nota ci si limita a informare i cittadini dell’esistenza del coprifuoco, senza criticarlo. Qualcuno che conosce bene la lingua, però, dovrebbe spiegarlo alla Lega.

Ti potrebbe interessare anche: Dati Covid falsificati in Sicilia, si dimette l’assessore alla Sanità Ruggero Razza