google-tenor

Google acquista Tenor, la piattaforma GIF per migliorare la ricerca di immagini

Google ha dominato a lungo lo spazio di ricerca, mettendo in difficoltà Yahoo, Excite, Ask Jeeves, Cuil e altri. Di conseguenza, ha anche provocato una schiacciante superiorità quando si trattava di pubblicità, anche se è stata rivaleggiata da Facebook. Ma affinché Google mantenga il proprio vantaggio, deve guardare ad altri modi in cui le persone sono alla ricerca di informazioni e questo l’ha portata a mettere in luce la potenza delle GIF, in particolare il fornitore di immagini Tenor.

Google ha acquisito la piattaforma GIF Tenor per Android, iOS e desktop. Tenor continuerà a operare come marchio separato all’interno di Google, ha detto la società in un post sul blog e aiuterà Google a far apparire le GIF all’interno delle immagini di Google e di altri servizi come Gboard più facilmente. In particolare, Tenor è una piattaforma GIF che Facebook ha utilizzato nel suo servizio Messenger per consentire agli utenti di inviare GIF più facilmente.

Cathy Edwards, direttore dell’ingegneria di Google, ha scritto sul post del blog che gli utenti possono aspettarsi di vedere molte più GIF sui servizi di Google in futuro e ha notato che le immagini di Google sono diventate più di auto-espressione oltre a trovare informazioni sulle foto.

Tenor si è sempre più posizionata come una società di ricerca, utilizzandola come parametro per il coinvolgimento e il successo, mentre gli utenti inseriscono un enorme database di GIF. La società ha dichiarato di avere oltre 12 miliardi di ricerche al mese è facile capire perché Google abbia espresso interesse, ed è una delle prime uscite principali per uno spazio piccolo ma relativamente caldo attorno agli strumenti che consente agli utenti di condividere facilmente GIF. 

Leggi anche: Google e Salesforce: la partnership diventa ufficiale

google-tenorCosa farà Tenor per Google

L’azienda collabora con gli inserzionisti per creare GIF sponsorizzate che inseriscono nelle sue ricerche, che in genere sono piuttosto compatte e offrono l’opportunità di generare molto coinvolgimento. Le GIF sono state sempre più interessanti perché offrono l’opportunità di comprimere un sacco di informazioni in qualcosa che è facilmente condivisibile.

“Con la loro ampia libreria di contenuti, Tenor fa emergere le GIF giuste al momento in modo da trovare quella che corrisponde al tuo umore”, ha detto Cathy Edwards, direttore dell’ingegneria di Google Images. “Tenor ci aiuterà a farlo in modo più efficace in Google Immagini così come in altri prodotti che utilizzano GIF, come Gboard. Tenor continuerà a operare come marchio separato e non vediamo l’ora di investire nella loro tecnologia e nelle relazioni con i partner di contenuti e API. Quindi, che tu stia utilizzando la tastiera Tenor o uno dei nostri altri prodotti, puoi aspettarti di vederne molti altri nel tuo futuro.”

L’acquisizione ha lo scopo di aiutare ad evolvere il motore di ricerca di Google e di fornire risultati di ricerca migliori, in particolare GIF. Tenor è probabilmente il miglior portale di ricerca GIF sul mercato in questo momento, con una GIF per quasi ogni occasione. Quindi non sorprende che Google voglia acquistarlo per migliorare i risultati di ricerca. L’acquisizione potrebbe anche aiutare diversi prodotti Google come i messaggi Allo e Android.

Leggi anche: Google, l’A.I. Deepmind ha iniziato a camminare con le sue gambe

Tenor non è l’unico spazio GIF

Nonostante l’acquisizione, Tenor continuerà a operare come entità separata. Questo è notevole dato che Tenor alimenta il modulo di ricerca GIF su diverse piattaforme, tra cui Telegram e WhatsApp. Ha anche diverse collaborazioni con i media con studi cinematografici e canali televisivi.

Ma tenor non è l’unico nello spazio. Giphy per esempio, ha anche una tastiera GIF e ha un database piuttosto grande di GIF. Giphy dice che ha 300 milioni di utenti attivi al giorno. C’è anche Gfycat, che si posiziona come uno strumento per i creatori, che afferma di avere 130 milioni di utenti attivi mensilmente.

Leggi anche: Google Pay, la nuova app di google sta arrivando

CONDIVIDI
Valentina Samà
Progettare, creare e stupire è la sua passione. Dopo il diploma di Grafico Pubblicitario e varie esperienze in Digital Marketing and Social Media Marketing, diventa content editor in Business.it. Ama l'arte e il disegno e scrivere sarà la sua nuova sfida.