Interni

Gravissimo Camilleri, gli insulti dei fan di Salvini che cantano “Bello Ciao”

Andre Camilleri è ricoverato in gravi condizioni all’ospedale Santo Spirito di Roma, con gli italiani a seguire col fiato sospeso le notizie che lo riguardano. Intorno a lui, però, ecco di nuovo che il Bel Paese è riuscito a mostrare il suo volto peggiore, quello di un odio inumano che non risparmia nemmeno uno scrittore, 93 anni, autore di best seller famosi in tutto il mondo e inventore del personaggio del Commissario Montalbano, al centro di fortunate serie televisive.

L’autore, che si stava preparando per essere per la prima volta alle antiche Terme di Caracalla il 15 luglio con lo spettacolo che racconta la sua Autodifesa di Caino, è stato colpito da arresto cardiaco. Nei commenti alla notizia del suo urgente ricovero, sono però arrivati tanti orribili insulti. Nella maggior parte dei casi, a scrivere sono sostenitori di Matteo Salvini, che con Camilleri aveva avuto recentemente dei battibecchi a distanza in particolar modo sulla questione migranti. 

“Camilleri ha vissuto anche troppo, vuole ancora vomitare su tutti quelli che non lo gratificano e lo osannano” scrive allora Giovanni. Anche per Ercole, Camilleri “sentiva l’approssimarsi della sua ora ed era diventato più velenoso che mai”. Un altro utente, Lilli, attacca Camilleri e lo paragona a Napolitano (chissà perché, poi) sostenendo che come l’ex presidente della Repubblica deve “morire pieno d’odio nei loro cuori”.Joel non ci gira intorno: “E ora chi insulta Salvini? Speriamo che si calmi…”. Anche sulla pagina di Fb della testata Libero c’è chi ricorda a Camilleri che il suo odio per il vicepremier “gli è tornato indietro”. Isa, sulla stessa falsariga, pontifica: “Chi di spada ferisce, di spada perisce”. Agghiacciante il modo in cui Egidio ha addirittura intonato: “O bello ciao, bello ciao, bello ciao ciao ciao”.

Sea Watch, parla un sopravvissuto: “Tornare in Libia? Piuttosto tra i pesci”